Fino al 28.IV.2018 - Margrethe Kolstad Brekke, Jonas Gazell, Dillan Marsh & Eleanor Clare ... 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/03/2019
Bolzano29 è il nuovo spazio di Milano dove far circolare idee
25/03/2019
Una nuova identità per l'ex Manifattura Tabacchi di Cagliari. 5mila euro al vincitore
23/03/2019
Un nuovo investitore per Wopart. Alberto Rusconi punta sulla fiera di Lugano
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 28.IV.2018
Margrethe Kolstad Brekke, Jonas Gazell, Dillan Marsh & Eleanor Clare - Cold Current
Adiacenze, Bologna

   
  Vincenzo D’Argenio 
 
Fino al 28.IV.2018 - Margrethe Kolstad Brekke, Jonas Gazell, Dillan Marsh & Eleanor Clare - Cold Current - Adiacenze, Bologna
pubblicato

Presso la galleria Adiacenze ha inaugurato, lo scorso mese, "Cold Current”, collettiva dei quattro artisti norvegesi Margrethe Kolstad Brekke, Jonas Gazell, Dillan Marsh e Eleanor Clare, a cura di Helene Førde e Manuel Portioli. L’idea alla base è lo scambio tra la scena artistica nostrana e quella norvegese, gli artisti hanno infatti soggiornato per un breve periodo a Bologna per poter installare e produrre le opere site-specific per la mostra. Ad onor del vero il progetto è iniziato già dal 2013 con le due mostre dal titolo "Migration” e "Corpo Condiviso” e proseguito nel 2014 con una collettiva a Reggio Emilia e ad Heaven nel 2015.
Appena si entra nella zona espositiva l’installazione audio-sonora di Jonas Gazell A Mirror to the Soul in G. Major attira subito l’attenzione per la sua costruzione minimalista. L’artista crea infatti un ambiente sonoro definito dalle vibrazioni dei fili di lana che partono da alcuni woofer disposti a terra in circolo attraverso i quali si propagano le basse frequenze della registrazione della voce dello stesso Gazell che con questo lavoro si concentra sull’incontro-scontro tra uomo e tecnologia. Interagire con l’opera entrando in questo cilindro fatto di suono per alcuni istanti risulta un’esperienza meditativa e sembra di essere all’interno di un diaframma vibrante.

null
Jonas Gazell, A Mirror to the Soul in G Major

Di Margrethe Kolstad Brekke è esposta una serie di tre lavori che nonostante la stratificazione di materia, in questo caso carta da parati, risultano comunque eterei, a partire dal titolo stesso: Paperwork With Flying Geese. Attraverso la tecnica del collage, con varie gradazioni di trasparenza, le forme e i colori del parato per l’artista divengono paesaggi onirici e portali di realtà parallele.
L’ultimo lavoro è l’opera frutto della collaborazione tra Dillan Marsh ed Eleanor Clare allestita nel suggestivo piano interrato. Per raggiungere Fumbling at the Firmament è necessario attuare più di uno sforzo. Oltre all’angusta scaletta infatti, il duo ha fatto in modo di rendere ancor meno agevole il passaggio presentandolo come l’ingresso viscerale di una caverna. Un lavoro multisensoriale del tutto in contrasto con l’inizio del percorso espositivo. In uno spazio vuoto e semi buio, tra alcuni elementi scultorei, si trova l’installazione video che rappresenta una mano sulla riva di una marina leggermente agitata proiettata su di uno schermo bucato posizionato a terra. Un lavoro malinconicamente ermetico e straniante che gioca sulle dicotomie interno/esterno, buio/luce.

Vincenzo D’Argenio
mostra visitata il 5 aprile 2018

Dal 24 marzo al 28 aprile 2018
Margrethe Kolstad Brekke, Jonas Gazell, Dillan Marsh & Eleanor Clare - Cold Current
Adiacenze
Vicolo Spirito Santo, 1/B - 40123 Bologna
Orario: da martedì a sabato dalle 16:00 alle 20:00
Info: +39 3335463796, www.adiacenze.it

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Vincenzo D’Argenio
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram