Cosa cresce a Manifesta? Svelata una parte del programma, con 10 artisti e 6 nuove sedi 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/05/2018
Parte la campagna per finanziare il documentario dedicato alla Signora Ceppo di Twin Peaks
25/05/2018
L'ex produttore Harvey Weinstein si è consegnato alla Polizia di New York
25/05/2018
Online su Google, il museo digitale dedicato a Frida Kahlo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Cosa cresce a Manifesta? Svelata una parte del programma, con 10 artisti e 6 nuove sedi

   
   
 
Cosa cresce a Manifesta? Svelata una parte del programma, con 10 artisti e 6 nuove sedi
pubblicato

Paesaggisti, filosofi, performer, artisti, videomaker, la dodicesima edizione di Manifesta avrà l’aspetto di un Giardino Planetario ricco di colori e linguaggi, un’antologia della complessità, che fiorirà tra spazi, persone e culture. La Biennale itinerante si svolgerà a Palermo dal 16 giugno al 4 novembre 2018 e, dopo un elaborato percorso di avvicinamento, durante il quale sono state analizzate le strategie di sviluppo più coerenti con le peculiarità del luogo, adesso è giunto il momento di svelare la parte più consistente del programma principale che, insieme ai progetti collaterali, animerà il progetto curatoriale messo a punto da Bregtje van der Haak, Andrés Jaque, Ippolito Pestellini Laparelli e Mirjam Varadinis. Saranno più di 30 i nuovi lavori, tra installazioni pubbliche e interventi urbani, che si dirameranno in 15 spazi tra i più iconici della città siciliana, tra i quali il Teatro Garibaldi, centro nevralgico della manifestazione. 
A partire dal Quartiere ZEN, assunto come simbolo della complessità del contemporaneo, dove Gilles Clément, in collaborazione con lo studio di progettazione multidisciplinare Coloco, ha ideato un giardino urbano. Proprio a uno dei testi capitali del paesaggista e filosofo francese, Il Giardino Planetario, pubblicato in Italia nel 2008, si deve il concept che ha orientato questa dodicesima Manifesta, la cui prima edizione risale al 1996, ad Amsterdam, a seguito dell’impulso della fondatrice Hedwig Fijen, che ancora oggi la dirige insieme a Peter Paul Kainrath
Partendo da tale immagine, l’artista brasiliana Maria Thereza Alves proporrà un’installazione a Palazzo Butera, dedicata al sincretismo floreale della Sicilia. E visto che Manifesta è sempre più incuriosita dall’ibridazione tra l’arte e gli altri ambiti della conoscenza, l’idea è aumentare la portata dei discorsi, ampliandoli, per esempio, alla ricerca sui sistemi agricoli di irrigazione a secco, del collettivo londinese Cooking Sections, oppure alla computer grafica in tempo reale, campo nel quale opera l’irlandese John Gerrard, che porterà i suoi lavori tra Palazzo Ajutamicristo e Palazzo Forcella De Seta. Sul valore della memoria e sul potere evocativo della botanica si concentrerà lo svizzero Uriel Orlow, che sul tema abbiamo visto anche al PAV di Torino e che qui, a Palazzo Butera, porterà una video installazione. E ancora, il visual artist e direttore artistico della Riwaq Biennale, Khalil Rabah, ispirandosi ai mercati palermitani, riprodurrà un mercato di diversi manufatti, assemblaggi e sculture all’Orto Botanico, mentre il collettivo belga Rotor sta realizzando un intervento urbano nell’area di Pizzo Sella, a nord di Palermo. 
E poi, chi ha detto che un vegetale non può muoversi? Sicuramente non Marinella Senatore, che porterà la sua danza urbana nel centro cittadino, il 16 giugno, e nemmeno Jelili Atiku, pioniere della performance art in Nigeria, con la sua performance in strada, il 15 giugno. 
A raccontare queste e altre storie, sarà Giorgio Vasta, scrittore e sceneggiatore palermitano, con il progetto City Scripts, un’app digitale dedicata alla narrazione della città. 

In home e in alto: copyright Manifesta 12. Photo by CAVE Studio
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram