Fino al 2.V.2018 - Addamiano, Una pittura che racconta la luce. - Chiostro del Bramante,... 3086 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
10/12/2018
Judy Chicago e Max Mara insieme, per una t-shirt a edizione limitata
10/12/2018
Babbo Natale in manette e Banksy non autorizzato. Due murales di TvBoy compaiono al MUDEC
10/12/2018
Il Premio Fabbri si apre alla fotografia. Ecco i vincitori della sesta edizione
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 2.V.2018
Addamiano, Una pittura che racconta la luce.
Chiostro del Bramante, Spazio Galleria, Roma

   
  Marcello Francolini 
 
Fino al 2.V.2018 - Addamiano, Una pittura che racconta la luce. - Chiostro del Bramante, Spazio Galleria, Roma
pubblicato

Sotto il Chiostro del Bramante, un manto di stelle. Stelle, come luci che sono poi nient’altro che colore puro giustapposto con gesti velocemente precisi. Questa mostra non fa altro, com’è nel titolo stesso, di presentare: una pittura che racconta la luce. L’artista è il pugliese Natale Addamiano, che vive da anni stabilmente a Milano dove insegna pittura, e dove nella pausa accorta delle sue giornate ricorda su tela i suoi cieli adriatici. Ma che si tratti di memoria o di osservazione diretta sembra tutto un pretesto per cogliere la pura luce. Vengono qui presentate, come spiega il curatore, Matteo Galbiati, due serie di lavori, Cieli Stellati e le Gravine che per l’occasione vengono presentate in contemporanea con la mostra che si svolge ai piani superiori: "Turner. Opere dalla Tate”. Galbiati sottolinea nel testo in catalogo (Le due mostre condividono anche la stessa casa editrice Skira) che la coerenza di questa vicinanza di artisti è data dall’uso che entrambi fanno della memoria. Una memoria che smussa i particolari e che diffonde di luce ogni anfratto di paesaggio. Addamiano non simula o dissimula la grandezza del maestro d’oltremanica, quello che tocca la sua esperienza pittorica, si addentra in territori meno ovvi, per spingersi in quell’altrove della figura che rende ancora tanto contemporanei i dipinti di Turner. 

null
Addamiano, una pittura che racconta la luce, vista della mostra

Addamiano, come Turner, vive l’esperienza dello spazio-ambiente come stimolo a ricercare nella trascendenza della pittura una dimensione altra. Che sia lo spirito ciò che cerca l’artista pugliese? Le sue tele, nella serie dei Cieli Stellati, sono tutte costruite con la linea d’orizzonte molto bassa, proprio a dare risalto al cielo, che così occupa quasi l’intera superficie pittorica. Il livello di calpestio si riduce ad una piccola porzione di terra, quasi si sottrae all’osservazione, diviene infrequentabile all’occhio, che così è costretto a fluttuare nel cielo pieno e scuro di luccichii che fugano verso ogni dove, quasi a perdere ogni riferimento terreste. Pochi elementi, un codice fondato sul binomio colore-luce, si ripetono in una ridondanza che alimenta una profonda sensibilità nello spettatore. Queste due serie di opere pronunciano il lungo percorso di ricerca che negli anni ha concesso a Addamiano, di poter sentire in ogni trama cromatica, la tensione alla magia del sentimento dell’essere che dà senso all’istante della visione. Anche nella serie Gravine, ci si perde nel magma polveroso della terra arsa dal sole che diversificandone ogni granello sperde qualsiasi ancoraggio cosicché anche qui non si torva appiglio, e l’unico modo per l’osservatore è galleggiare in un aere polveroso. Una pittura dunque che porta alle estreme conseguenze il concetto del visibile inteso al di là del percepibile. Le forme dello spazio si dissolvono, i colori si trasfigurano inseguendo la stessa ossessione che fu anche di Turner, per il carattere mutevole e vertiginoso della luce. 

Marcello Francolini                                                                                                                                      mostra visitata il 18 aprile 2018

Dal 29 marzo 2018 al 2 maggio 2018                                                                                                            Addamiano, una pittura che racconta la luce                                                                                                Chiostro del Bramante, ambienti dello Spazio Gallerie                                                                                via Arco della Pace, 5 Roma                                                                                                                          orari: da lunedì a venerdì, h. 10 -19. Sabato e domenica, h. 10 – 20                                                            Info: Tel. +39 339 89 59 372 | info@noracomunicazione.it | www.noracomunicazione.it

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Marcello Francolini
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram