Fino al 6.V.2018 - Guendalina Salini, Riparo - Fondazione Pastificio Cerere, Roma 3241 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
21/05/2018
Questa estate, tutti a Massacre Island. In Triste Tropique, i peggiori toponimi del mondo
20/05/2018
Fotografare Cuba. A Novembre, via al workshop di Viaggiemete
20/05/2018
Sulla strada giusta, con il nostro nuovo Navigatore dell'arte
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 6.V.2018
Guendalina Salini, Riparo
Fondazione Pastificio Cerere, Roma

   
  Valentina Muzi 
 
Fino al 6.V.2018 - Guendalina Salini, Riparo - Fondazione Pastificio Cerere, Roma
pubblicato

La mostra di Guendalina Salini allestita presso Fondazione Pastificio Cerere pone l’attenzione sull’aspetto di "ambiente circoscritto e sicuro” con il quale le persone si raccontano e nel quale dovrebbero vivere. Un "riparo”, appunto, un concetto di tranquillità e protezioni che si materializza in architettura assumendo forme e colori differenti. 
Una mostra dove il tappeto e i suoi intrecci, che in Boetti rimandavano all'interrelazione e alla condivisione di idee ed esperienze sviluppate durante il processo creativo, simboleggiano materialmente uno spazio custodito, un materiale avvolgente al quale affidare preziosi ricordi da portare con sé. Tappeti dai simboli evocativi e dai profumi visionari che ci portano in terre lontane, quelle terre fatte di storie e di vita che, molto spesso, decidiamo di non ascoltare. 
"Ma se ti fermi a osservarlo con attenzione, ti persuadi che a ogni luogo del tappeto corrisponde un luogo della città e che tutte le cose contenute nella città sono comprese nel disegno, disposte secondo i loro veri rapporti, quali sfuggono al tuo occhio distratto dall’andirivieni dal brulichio dal pigia-pigia. Tutta la confusione di Eudossia, i ragli dei muli, le macchie di nerofumo, l’odore di pesce, è quanto appare nella prospettiva parziale che tu cogli; ma il tappeto prova che c’è un punto dal quale la città mostra le sue vere proporzioni, lo schema geometrico implicito in ogni suo minimo dettaglio. (…)” Le città invisibili, Italo Calvino, 1972. 

null
Guendalina Salini, RIPARO. La città e il cielo, 2016, installation view at Fondazione Pastificio Cerere. Crediti: Ginevra Sammartino

Memorie che rianimandosi solleticano i nostri sensi con i profumati tappeti e poi con le sonore casette in argilla dell'installazione Souvenir d'Italie (2018) vestendo l’intera parete della Fondazione.
Quest'ultima opera è il risultato di un laboratorio guidato da Guendalina Salini in collaborazione con l'Associazione "La Frangia” (insieme a Marco Stefanelli, Giulia Anita Bari, Ginevra Sammartino) tenutosi lo scorso Marzo proprio nello studio dell'artista. Un’opera collettiva che ricalca le vite e i ricordi di tutti i partecipanti del laboratorio (di nazionalità ed età differenti) in cui, attraverso la ludo-pedagogia e l’auto-narrazione, hanno dato voce alla propria storia che nella loro unicità è diventata patrimonio della collettività.  

Valentina Muzi 
mostra visitata il 6 aprile

Dal 6 aprile al 6 maggio 2018
Guendalina Salini, Riparo
Fondazione Pastificio Cerere 
Via degli Ausoni, 7 – 00185 Roma
Info: +39 06 45422960, info@pastificiocerere.it

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Valentina Muzi
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram