Ciao Pantera. Scompare a soli 36 anni la curatrice Elisa Fantin. Il ricordo dei compagni 3096 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
21/05/2018
Questa estate, tutti a Massacre Island. In Triste Tropique, i peggiori toponimi del mondo
20/05/2018
Fotografare Cuba. A Novembre, via al workshop di Viaggiemete
20/05/2018
Sulla strada giusta, con il nostro nuovo Navigatore dell'arte
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Ciao Pantera. Scompare a soli 36 anni la curatrice Elisa Fantin. Il ricordo dei compagni

   
   
 
Ciao Pantera. Scompare a soli 36 anni la curatrice Elisa Fantin. Il ricordo dei compagni
pubblicato

Ciao Pantera.

Sono un’artista, ho frequentato per un periodo lo Iuav e ho partecipato al programma di studi in Fondazione Bevilacqua La Masa a Venezia.
Sono fermamente convinta che l’artista abbia una responsabilità morale e sociale verso il proprio lavoro e verso le persone che lo veicolano e lo sostengono, per questo scrivo questa lettera.
Ho avuto modo di incontrare circa otto anni fa Elisa Fantin allo Iuav, era una studentessa e si occupava di curatela. Ha fondato un gruppo chiamato Cake Away per la Fondazione Bevilacqua La Masa, frequentando anche lei gli studi circa quattro anni fa, quando quell’istituzione aveva per Venezia un ruolo importante di incontro e di scambio culturale. Eravamo tutti all’incirca trentenni o poco meno, l’idea era quella che ci accumunava tutti, di trovare un corrispettivo umano alla nostra ricerca personale, un incontro che non ci isolasse in una dimensione di ricerca individuale ma ci fosse una possibilità di crescita comune.
In quel periodo gravitavano diversi bravi artisti, e ciascuno rivestiva in questo, coscientemente o no, un ruolo. Ciascuno si adoperava a seconda della propria personalità in questo particolare equilibrio lagunare per realizzare le proprie idee e la propria ricerca sull’Arte.
Elisa Fantin è venuta a mancare all’età di 36 anni a causa di un cancro. Non ho paura di utilizzare questa parola, ne’ di parlare di morte in questo contesto, appunto perché non ci dovrebbero essere secondo il mio punto di vista confini così precisi di pudore in questo ambito; l’artista e chi lo ha sempre sostenuto hanno e devono avere la possibilità di fare anche di questi momenti privi di spiegazione, dei momenti di senso e cercare in questo un motivo per non dimenticare.
Lei è stata, in maniera del tutto sua, in maniera non convenzionale una figura che ha curato gli artisti. Amava in modo viscerale l’arte, la pittura, e si relazionava agli artisti con questa passione e riusciva a motivare, a far sperare, a proiettare in un futuro possibile le nostre ricerche. Faceva parte di quella generazione in cui tutto è possibile, ma poi ti pagano solo se hai fortuna, in cui se non hai un cv pieno di mostre in posti riconosciuti socialmente, non hai in realtà costruito nulla di concreto e in una determinata età dovresti iniziare a rassegnarti. Se non hai delle pubblicazioni o hai fatto lo schiavo per anni in qualche galleria estera e poi sei tornato, millantando buonissime esperienze lavorative, non sei considerato un curatore o una figura professionale. Elisa è l’esempio evidente per me e credo per tutti quelli che l’hanno conosciuta, che si possono seminare idee e lasciare un segno vivo e forte nelle persone che fanno arte anche senza questa strada tracciata. Il mio non vuol essere un atteggiamento romantico e forse non mi interessa identificarmi in una certa lettura delle cose, credo sia giusto ricordare e dare un valore a quello che Elisa ha lasciato a tanti artisti e persone di Venezia.
Mi ha insegnato che per chi fa dell’arte la propria vita, c’è sempre una soluzione che si può applicare intelligentemente in qualsiasi circostanza, mi ha insegnato che di arte si può parlare al bar davanti ad un prosecco anche ridendo. Ci hanno fatto credere che ci deve essere in tutti un alone di serietà che omologhi un certo tipo di figura professionale, lei invece, che ha sempre studiato arte, aveva una facilità incredibile nella scrittura, un buon occhio critico, viveva il suo lavoro umanamente, profondamente, da essere umano.
L’eredità di Elisa Fantin è questa, che ha lasciato a me, e che ha lasciato a tante persone che immagino non sanno ben collocare questa figura e questo modo di amare l’arte ma soprattutto gli artisti.
Elisa la conoscevano tutti come Pantera, e Pantera è il suo vero nome per noi. Era l’anima delle feste e le notti per lei non dovevano finire mai, e forse aveva ragione. Ci teneva particolarmente a essere sempre ben curata, aveva un’età indefinibile, poteva sembrare una ragazzina e a volte una donna matura. Piccola di statura, forte, di quelle forze antiche, vere.
Un sorriso pieno di vita, una risata che attaccava le pareti della casa. La sua casa in Giudecca era un riferimento per tanti artisti che avevano bisogno di un appoggio o di un aiuto. Da lei sono passati tutti e tutti si sono divertiti con lei. Questa è la sua eredità, che io come artista non posso che non considerare come un valore importante.
Guardava, ascoltava, studiava, e poi credeva in te. Il suo sogno era andare a New York, lo diceva sempre, e curare mostre in posti magnifici. Non è servito che andasse a New York, Pantera dalla Giudecca mi ha lasciato, ci ha lasciato un insegnamento, anche durante la sua malattia, che nessun artista e nessun suo conoscente potrà ignorare. Credere nelle persone, e lei ci credeva, e io l’ho voluto soltanto ricordare.

Ciao Pantera

Il funerale di Elisa Fantin si svolge martedì 8 maggio alle 15.30 nella chiesa del cimitero di Bagnoli di Sopra (Padova)

Giuseppe Abate
Amedeo Abello
Marco Andrighetto
Paola Angelini
Edoardo Aruta
Riccardo Banfi
Maria Ida Bernabei
Matteo Bertelè
Antonio Bigini
Giulia Bini
Gino Blanc
Michela Boldrer
Saverio Bonato
Tonia Bonura
Francesca Borghini
Michela Bortolozzi
Monica Bosaro
Thomas Braida
Andrea Bruciati
Letizia Calori
Lucilla Calogero
Arianna Callegaro
Enrico Casagrande
Carlo Cecconi
Samuele Cherubini
Viviana Checchia
Mario Ciaramitaro
Stefano Coletto
Lorenzo Commisso
Eva Comuzzi
Michelangelo Corsaro
Daniela Da Silva
Veronica De Giovanelli
Fabio De Meo
Cecilia Divizia
Enkelejd Doja
Rachele D’Osualdo
Maria Elena Fantoni
Nicola Facchini
Margherita Fabbri
Andrea Fabbro
Giulia Fabris
Roberto Fassone
Marco Fellini
Marta Ferretti
Nina Fiocco
Clio Flego
Elena Florio
Cristiano Focacci Menchini
Alessandro Fogo
Marialisa Fontanabona
Beatrice Forchini
Giulia Gabrielli
Giorgia Gallina
Chiara Gaspardo
Beatrice Giovannoni
Fabio Gnali Marco Gobbi
Letizia Goretti
Max Gottardi
Myriam Graziosi
Chiara Grossi
Andrea Grotto
Antonio Grulli
Valeria Iacovelli
Teresa Iannotta
Michela Intra
Julia Knish
Valentina Lacinio
Alessandro Laita
Cornelia Lauf
Laura Lovatel
Michela Lupieri
Violette Maillard
Rachele Maistrello
Francesco Maluta
Valeria Mancinelli
Gaia Martino
Elena Mazzi
Lorenzo Mazzi
Corinne Mazzoli
Giulia Meloni
Samuele Menin
Francesca Merciari
Valentina Merzi
Alessandra Messali
Maria Morganti
Giulia Morucchio
Marta Muschietti
Denise Nardini
Caterina Nolfo
Alice Ongaro Sartori
Giada Pellicari
Samuele Piazza
Martina Polig
Matteo Primiterra
Maddalena Quarta
Sara Ricci
Chiaralice Rizzi
Claudia Rizzo
Stefania Rispoli
Valeria Romagnini
Martin Romeo
Valentina Roselli
Irene Rossini
Paolo Rosso
Ryts Monet
Alessio Sacchetto
Miriam Secco
Davide Sgambaro
Rosario Sorbello
Tommaso Speretta
Davide Spillari
Giulio Squillacciotti
Matteo Stocco
Danilo Stojanović
Marco Tagliafierro
Claire Tancons
Laura Tinti
Adriano Valeri
Rob van den Berg
Emilio Vavarella
Natasa Vasilievic
Valerio Veneruso
Serena Vestrucci
Angela Vettese
Maria Giovanna Virga
Spela Volcic

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

1 commento trovato 

09/05/2018
Chiara Vitali
La vita è un percorso complesso, non lineare, e forse non c'è nulla che metta in luce questa complessità più della brutale nettezza della morte. A volte succede che delle vite si incrocino per poi proseguire per vie diverse, ma questo non significa ignorare o dimenticare chi ha condiviso un pezzetto di percorso con te. Qual è il senso di questo sfiorarsi senza toccarsi del tutto ? Non lo so, a volte lo rivelano i decenni. Io Elisa l'ho sfiorata durante i miei anni allo IUAV, che per me non sono stati la via principale a cui appartenere, ma la preziosa tessera di un mosaico da tenere in serbo durante un cammino che si snoda su molte strade diverse eppur parallele. Quello che so, cara Elisa, è che leggere della tua scomparsa mi ha fatto sobbalzare su questa sedia in preda ad emozioni contrastanti: stupore malinconico, ma anche compiacimento nel sentire autentico affetto nelle parole di chi ti conosceva bene. Per ora io ti saluto così, poi vedremo ... perché non bisognerebbe mai dire mai, nemmeno di fronte alla morte.

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram