THAT’S STORIES 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/07/2018
Sergio Mattarella ospite speciale per la mostra dell'Istituto Garuzzo a Tbilisi
17/07/2018
La tua zona living floreale, con la carta da parati di Frida Kahlo
17/07/2018
Una immersione virtuale tra i beni archeologici sommersi del Mediterraneo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
Thats contemporary
         
 

THAT’S STORIES

   
 La Barriera mentale e quella fisica. Oppure “Mind The Gap”, una distanza tra persone
 Gianluca Gramolazzi 
 
THAT’S STORIES
pubblicato

Molte città dell’Italia settentrionale sono state le prime a essere colpite da una forte immigrazione a partire da metà ottocento. I migranti in questo caso erano italiani che, dopo l’apertura di grandi industrie, cercavano occupazione contribuendo a modificare le città, tanto dal punto di vista urbanistico quanto da quello sociale. Torino tiene traccia di tutte queste trasformazioni e nei grandi quartieri operai a ridosso delle periferie, come la zona Barriera di Milano, l’Associazione Barriera vive e sviluppa i suoi progetti di promozione artistica, al fine di interagire con i nuovi inquilini della zona. 
Tra le varie iniziative svolte dall’associazione figura Mirror Project che, ogni anno, invita giovani curatori a presentare un progetto su misura per il quartiere in cui lo spazio è inserito. Per la sua nona edizione è stato scelto il giovane curatore Emanuele Riccomi, che ha ragionato su temi quali l’immigrazione, la memoria e il lavoro. Questi elementi, che da sempre hanno caratterizzato il quartiere operaio, ritornano a essere argomento di discussione nella nostra contemporaneità, prendendo avvio dal nuovo assetto multiculturale del luogo. Così nasce "Mind The Gap", una mostra nata dal dialogo tra il curatore e gli artisti Antonio Della Guardia, Corinna Gosmaro e Domenico Antonio Mancini
Spesso si commette l’errore di leggere gli eventi e le tematiche in maniera indipendente, soprattutto in situazioni dove etnie differenti devono coesistere in uno spazio circoscritto. Le diverse storie, la necessità di un lavoro e la condizione di immigrati, fanno del quartiere una zona precaria e con un forte bisogno di coesione. Riccomi, quindi, invita gli artisti a ragionare sulle distanze, sugli spazi mentali e sui gap, ossia gli spazi vuoti che limitano la nostra possibilità di avere una visione dell’insieme. La mostra rimarrà visitabile sino al 21 maggio 2018. 

Gianluca Gramolazzi

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Gianluca Gramolazzi
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram