En plain air del contemporaneo. Al Museo Tornielli di Ameno, le opere di Landina 2018 3082 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
17/07/2019
Nuova vita per il World Trade Center, che riparte con un Centro d’Arti Performative
16/07/2019
Riaperte al pubblico due delle piramidi più antiche d’Egitto
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

En plain air del contemporaneo. Al Museo Tornielli di Ameno, le opere di Landina 2018

   
   
 
En plain air del contemporaneo. Al Museo Tornielli di Ameno, le opere di Landina 2018
pubblicato

Dal 13 maggio al primo luglio 2018, il piccolo ma grintoso Museo Tornielli di Ameno, cittadina affacciata sul Lago d’Orta, apre i suoi spazi alla mostra di Landina 2018, il progetto ideato e curato da Lorenza Boisi con CARS-Cusio Artist Residency Space di Omegna, realizzato in collaborazione con Andrea Ruschetti, direttore dell’Associazione Culturale Mastronauta. In mostra i lavori che Angelo Bellobono, Mattia Barbieri, Giulio Catelli, Elisa Filomena, Alessandro Finocchiaro e Nazzarena Poli Maramotti hanno dipinto la scorsa estate nei Luoghi Amati del Verbano Cusio Ossola. 
Nata nel 2013, Landina ha riproposto, anno dopo anno, l'attesissima residenza estiva che, attraverso la pittura en plein air, mette in dialogo gli artisti e le istituzioni del territorio. Landina, in questa formula dal sapore antico ma unica e fortemente significativa nel panorama italiano, si è nel tempo attestata come punto di riferimento per l’incontro e lo scambio d’idee. Oggi, Landina mantiene fede a quegli intenti già chiaramente delineati dalla sua ideatrice e curatrice fin dall’inizio di questa sfida controcorrente: «CARS – scriveva Lorenza Boisi nel 2013 – in modo del tutto inconsueto, estemporaneo, quasi inconcepibile per il nostro tempo, vuole restituire ai pittori italiani un momento di congrua conoscenza. Un tempo lussuoso di incontro demodé. La conoscenza diretta e il lavoro comune potrà essere ispirazione per considerazioni utili al sistema artistico che ha vessato, emarginandola, la pratica della pittura senza riattivarla come da più di vent’anni, giustamente, avviene a livello internazionale». 
Fino a oggi, Landina ha coinvolto una quarantina di artisti e sette istituzioni museali, ha attratto un crescente interesse di addetti ai lavori e sta registrando una sempre maggiore apertura da parte delle istituzioni pubbliche, confermata, quest’anno, dal consolidarsi del rapporto con il Comune di Ameno, che ha individuato per Landina 2018 la sede del Museo Tornielli. Oltre a una collezione dedicata all’arte contemporanea, il museo espone regolarmente anche mostre temporanee e con Landina coglie l’opportunità di aprirsi ulteriormente alle istanze della produzione pittorica italiana, in una delle sue sperimentazioni più genuine. 
Nel quartier generale di CARS Omegna, intanto, già fervono i preparativi per la sesta edizione di Landina che, come di consueto, la prossima estate vedrà incontrarsi artisti che partecipano per la prima volta al progetto e quest’anno accoglierà «un’interessante compagine tutta da scoprire, con nomi inconsueti e un grande ospite», ci ha svelato Boisi. Qui tutte le informazioni sulla mostra. (Silvia Conta

In home: Angelo Bellobono, Landina 2018, courtesy artista e Landina 
In alto: Nazzarena Poli Maramotti, Landina 2018, courtesy artista e Landina
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram