Niente fiori per Parigi. Rifiutato l’omaggio di Jeff Koons alle vittime degli attentati 3106 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
10/12/2018
Il Premio Fabbri si apre alla fotografia. Ecco i vincitori della sesta edizione
09/12/2018
La storia della grafica dal XIX secolo ai giorni nostri, nei due nuovi volumi editi da Taschen
08/12/2018
Al Castello di Rivoli, Milovan Farronato e Carolyn Christov-Bakargiev ricordano Chiara Fumai
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Niente fiori per Parigi. Rifiutato l’omaggio di Jeff Koons alle vittime degli attentati

   
   
 
Niente fiori per Parigi. Rifiutato l’omaggio di Jeff Koons alle vittime degli attentati
pubblicato

È ufficiale, i fiori sono appassiti. Dopo mesi di discussioni e polemiche, il Ministero della Cultura francese prende finalmente una decisione chiara e comunica che non installerà più il bouquet di tulipani di Jeff Koons di fronte al Palais de Tokyo. L’artista americano, facendo seguito a un invito ufficiale di Jane Hartley, ex ambasciatore degli Stati Uniti, avrebbe voluto donare l’opera per rendere omaggio alle vittime degli attacchi terroristici a Parigi del novembre 2015 e tutti i costi per la realizzazione del progetto e per l’installazione sarebbero stati a carico di privati. Ma tantissime figure di spicco nel panorama culturale e politico transalpino, tra le quali Christian Boltanski, Nicolas Bourriaud, Jean-Luc Moulène, Olivier Assayas, Émilie Cariou e Frédéric Mitterrand, si sono dichiarate apertamente contrarie, non solo per le modalità di reperimento dei fondi ma anche per la sede indicata, ovvero, il piazzale antistante il museo d’arte contemporanea, gestito dallo stesso Ministero. Una scelta che, secondo i detrattori, doveva essere dettata più dalla volontà di autocelebrazione di Koons che da questioni di rappresentanza e memoria. E si sa quanto i francesi siano legati ai loro simboli.
La polemica si è trascinata per molti mesi e senza esclusione di colpi, tra petizioni e lettere accorate, provenienti da entrambe le parti. Koons ha invece preferito la via del silenzio, lasciando la parola ad altri, almeno pubblicamente. «Ho parlato con Koons diverse volte; siamo desiderosi di andare oltre la polemica», ha dichiarato a Le Figaro il ministro della cultura, Françoise Nyssen. Adesso sono al vaglio altre ipotesi per la collocazione, preferibilmente «un luogo popolare, dove l’opera potrà essere vista da tutti», ha chiosato Nyssen.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

2 commenti trovati  

03/06/2018
Monica, Italia
Se gli cambiano location si riprende il regalo: come ha fatto a Firenze con il ratto di Proserpina.

29/05/2018
doattime, cuneo
https://doattime.blogspot.com/
L'importante era parlarne, dare medialità all'artista che vive di questo bisogno continuo di stare nei gossip, visto che le sue ultime opere sono sempre più noiosissimi giocattoli per ricchi annoiati (e privi di gusto), personalmente avrei visto meglio metterli all'asta e con il ricavato usarlo per dare supporto ha sofferto e attivare una politica di socialità.

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram