La terra di mezzo di Giovanni Iudice 3239 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/10/2018
Dopo 25 anni la statua di Zeus in trono torna a Baia
20/10/2018
Notturni da Chopin a Carlo Mattioli. All’Auditorium di Parma, concerto dedicato all’artista
20/10/2018
Il Sub-Marine di Giusva Pecoraino approda a Palermo

+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

La terra di mezzo di Giovanni Iudice

   
 30 opere tra disegni e dipinti di Giovanni Iudice, precursore del tema della migrazione in Sicilia, da oggi sono in mostra a Palermo, nelle sale di Palazzo Sant’Elia   
 
La terra di mezzo di Giovanni Iudice
pubblicato

La mostra che si inaugura oggi pomeriggio a Palermo, nei saloni della Fondazione Sant’Elia, presenta al pubblico una selezione di disegni e dipinti da 2001 al 2012 di Giovanni Iudice, artista originario di Gela, curata da Giuseppe Iannaccone, noto collezionista milanese e scopritore nel 1997 dell’artista siciliano.
Il realismo antiaccademico di Iudice, esito ineludibile di un personalissimo percorso artistico da autodidatta, sospeso tra misteriose perfezioni ed enigmatiche inquietudini, proviene da un’originale ibridazione tra ossessione miniaturistica e artificio intellettuale, da un imprevedibile innesto di innovazione mediatica su una tradizione culturale che ha superato ormai il periplo del millennio. Sin dai suoi esordi, infatti, durante le lunghe attese notturne da guardia infermieristica in ospedale, il nostro artista ha iniziato il suo dialogo platonico con alcune delle coscienze più autorevoli della storia dell’arte, da Antonello da Messina allo Spagnoletto, da Hopper a Wyeth, da Freud a Perlstein, da Gianfranco Ferroni a Piero Guccione. E, infine, la sconvolgente lezione di Antonio Lopez-Garcia. 
Nei suoi dipinti e nei suoi straordinari disegni più risalenti (che, non a caso, Maurizio Fagiolo dell’Arco preferiva definire "works on paper”) si celebra la liturgia del mondo classico attraverso la perfetta simbiosi tra apollineo e dionisiaco. Nei suoi lavori più recenti, invece, alla messa a fuoco più accentuata del soggetto nel suo insieme corrisponde una più acuta capacità di sintesi tecnico-compositiva; così la grafite si rarefa sui candidi lacerti di carta, il non-disegnato diventa chiassoso nella sua apparente inespressività, l’assenza o la scarnificazione della materia pittorica sulla tela acquistano un ruolo comprimario nell’opera, evocando lo spettro "oltre” le cose per conseguirne la "veritas memoriae”. Per Iudice, come per Max Ernst, lo strumento pittorico/grafico non ha pertanto alcuna ambizione teleologica, ma meramente strumentale alla sua ricerca di realtà, di quel "senso” della realtà messo a dura prova dalla tragicità della storia attuale. Dove anche lo spiaggiamento del cadavere di un migrante bambino si perde fino a stingersi tra le pagine di un quotidiano. Relegata a un oblio che sembra permanente, cinicamente senza accesso a possibilità di redenzione. (Cesare Biasini Selvaggi) 


INFO
Opening: ore 18.30
GIOVANNI IUDICE/TERRA DI MEZZO
a cura di Giuseppe Iannaccone
dal 30 maggio al 30 giugno 2018
Fondazione Sant’Elia
via Maqueda 81, Palermo

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram