Archivio Pensiero + Azione - Mario Francese 3239 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/10/2018
Dopo 25 anni la statua di Zeus in trono torna a Baia
20/10/2018
Notturni da Chopin a Carlo Mattioli. All’Auditorium di Parma, concerto dedicato all’artista
20/10/2018
Il Sub-Marine di Giusva Pecoraino approda a Palermo

+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Archivio Pensiero + Azione
Mario Francese

   
 Continua la rubrica dedicata al progetto “Il Pensiero che non diventa Azione avvelena l'Anima” di Eva Frapiccini, che inaugura il 15 giugno 2018 presso l’Archivio Storico Comunale di Palermo e che raccoglie i lavori frutto di laboratori con gli studenti dei Licei Artistici Catalano e Ragusa-Kiyohara di Palermo, sulla narrazione dei protagonisti della lotta alla Mafia e di mappatura fotografica dei luoghi degli attentanti e delle stragi di stampo mafioso. La mostra resterà aperta al pubblico dal 15 giugno al 30 agosto 2018.  
 
Archivio Pensiero + Azione - Mario Francese
pubblicato

"Uomini del Colorado, vi saluto e me ne vado!”. Questo è il saluto gioviale, ed anche leggermente ironico, che Mario Francese, giornalista de "Il Giornale di Sicilia”, rivolgeva ai suoi colleghi poco prima di essere ucciso, la sera del 26 gennaio 1979, alle 21.00 in viale Campania, proprio di fronte casa sua.
Come scrive Giuseppe Lo Bianco, capo servizio aggiunto all'Ansa di Palermo, "fu l’unico, a parlare della frattura nella «commissione mafiosa» tra liggiani e «guanti di velluto», l’ala moderata. Una frattura che avrebbe aperto la strada alla guerra di mafia degli anni ‘80, all’ascesa dei corleonesi, alla stagione delle stragi”. Mario Francese si occupava di cronaca nera e giudiziaria, era un segugio che andava dietro alla notizia con passione e scrupolo, tanto da riuscire a denunciare, negli anni ’70, l’ascesa della famiglia dei Corleonesi e le loro strategie. Fu l'unico giornalista a intervistare la moglie di Totò Riina, Antonietta Bagarella, e nelle sue inchieste entrò profondamente nell'analisi dell'organizzazione mafiosa, delle sue spaccature, delle famiglie e dei capi, specie della mafia corleonese. Di particolare importanza l’inchiesta sulla diga Garcia, nella valle del Belice, che svela l’affare miliardario dell’acqua, realizzato attraverso i guadagni sull’esproprio dei terreni. 
Fu ucciso a soli 54 anni per il suo impegno civile da Leoluca Bagarella, su commissione di Totò Riina, Bernardo Provenzano, Raffaele Ganci, Francesco Madonia e Michele Greco. Suo figlio Giuseppe si suiciderà a soli 36 anni dopo anni di ricerca degli assassini di suo padre.  

In alto e in homepage: Mario Francese. Articolo.
Dettaglio dal progetto Il Pensiero che non diventa Azione avvelena l'Anima di Eva Frapiccini, 2018. Courtesy dell'artista.

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram