Finissage - Lorenzo Puglisi, Scintille di un fuoco nero. - Labs Gallery - Arte Moderna e C... 3091 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/12/2018
Scoperta in Egitto la tomba di un alto sacerdote, perfettamente conservata dopo 4mila anni
17/12/2018
La consacrazione dei manga, in una grande mostra al British Museum
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Finissage
Lorenzo Puglisi, Scintille di un fuoco nero.
Labs Gallery - Arte Moderna e Contemporanea, Bologna

   
  Bruna Giordano 
 
Finissage - Lorenzo Puglisi, Scintille di un fuoco nero. - Labs Gallery - Arte Moderna e Contemporanea, Bologna
pubblicato

È la Labs Gallery di Bologna che presenta "Scintille di un fuoco nero” di Lorenzo Puglisi (1971), artista torinese che vive e lavora nel capoluogo emiliano.
La profondità dello spazio espositivo enfatizza e monumentalizza le tre opere in mostra: Il grande sacrificio, Nell'orto degli ulivi e Matteo e l’angelo, caratterizzate tutte dalla coesistenza di due cromie: il bianco e il nero. Nero, che come un manto copre dipinti classici a cui Puglisi si ispira, quali S. Matteo e l'angelo di Caravaggio, L’ultima cena di Leonardo e il Cristo nell’orto degli ulivi di Goya. I dipinti del nostro prendono vita attraverso l’utilizzo del bianco tramite il quale l’artista ritrae i volti, le mani e talvolta i piedi dei protagonisti.
I volti, senza particolari tratti somatici, rivelano la condizione universale dell’uomo sempre contemporaneo nel passato e nel presente, ponte tra la storia e l'eternità. Tra le "scintille di fuoco nero”, appaiono pepite rosso vermiglio che fanno scoccare il fuoco della vita, della passione animando le immagini rappresentate.

null
Lorenzo Puglisi, Dettaglio de Il Grande Sacrificio

I soggetti ritratti solo con volto e mani, riemergono dal fondo nero e condividono con lo spettatore stati d’animo e psicologia grazie alla scelta tecnica dell'artista che le raffigura con pennellate morbide e intense, di natura espressionista, di quell’espressionismo dai tratti deformanti.
L’opera Il grande sacrificio, che richiama L’ultima cena di Leonardo è esplicativa della poetica di Puglisi, che riesce a ritrarre gli apostoli e il Maestro in relazione tra loro, e, seppure i volti non permettano l’esatta identificazione dei commensali, le mani riescono a comunicare il pathos della scena.
L’artista, infatti, sceglie le mani, da sempre utilizzate nella storia dell’arte, come mezzo espressivo, in quanto esse sono simbolo, icona, dell’agire e del pensare dell’uomo che tramite esse diventa "faber”, "artifex” della sua personalità e del suo ruolo nel mondo e nel rapporto con l'altro.
Da ciò si evince la capacità espressiva dell’opera di Puglisi, che partendo dai modelli classici comunica attraverso uno spazio astratto, ma pregno di significato trascendente l’immanenza dell’uomo, quale elemento della creazione in forte relazione con la dimensione fenomenologica, ma allo stesso tempo spirituale.
L’uomo, dunque, davanti agli avvenimenti della vita si pone in comunicazione con gli interrogativi propri della sua condizione, ma allo stesso tempo cerca di trovarne le risposte, non ripiegandosi su se stesso, ma rapportandosi con gli elementi che lo circondano nonostante la paura oscura dell’ignoto.

Bruna Giordano
Mostra visitata il 22 aprile 2018

Dal  24 marzo 2018 al 30 maggio 2018
Lorenzo Puglisi. Scintille di un fuoco nero.
LabsGallery, - Arte Moderna e Contemporanea 
Via Santo Stefano38, Bologna 
Info: https://www.labsgallery.it/ Email: info@labsgallery.it

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Bruna Giordano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram