Fino al 16.VI.2018 - Carol Rama opere su carta 1962-1998 - MEB Arte Studio, Borgomanero 3083 utenti online in questo momento
exibart.com
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 16.VI.2018
Carol Rama opere su carta 1962-1998
MEB Arte Studio, Borgomanero

   
  Barbara Taccone 
 
Fino al 16.VI.2018 - Carol Rama opere su carta 1962-1998 - MEB Arte Studio, Borgomanero
pubblicato

Smentendo l’antico adagio per cui nessuno può essere "profeta in patria”, una delle artiste più note e controverse del secolo passato, torna in pompa magna nel suo Piemonte, vicino a quella Torino benpensante e conservatrice che nel ‘900 aveva osservato sbigottita il suo battesimo artistico. Tra i vicoli di una cittadina a due passi dal Lago Maggiore, sui muri bianchi e immacolati di una piccola galleria di Borgomanero, si staglia impudica e titanica l’opera di Carol Rama. Il MEB Arte Studio ha inaugurato il 5 maggio la personale "Carol Rama – opere su carta 1962-1998”, curata da Marco Emilio Bertona. Le opere selezionate dal gallerista, realizzate tra il ’62 e il ’98, catturano l’occhio dello spettatore che, di lampo, attraversa il tormentato iter artistico e biografico della Rama, compartecipando alla travagliata evoluzione di un’artista rivoluzionaria e provocatoria, un’autodidatta cresciuta lontana dalle accademie, come avrà a dire di se stessa: «Non ho avuto maestri pittori, il senso del peccato è il mio maestro. Il peccato è una trasgressione del pensiero». A partire dagli anni ’60, in mostra il periodo "organico”, le forme pure che contraddistinguono quelli che paiono essere cartogrammi dell’anima, rappresentazioni grafiche di un’emotività eterogenea e sanguigna; i bricolage, così definiti dall’amico Edoardo Sanguineti, con il loro comporto simbolico; gli esperimenti con le camere d’aria, "correlativo oggettivo” della figura paterna: Amabile Rama, morto suicida, era infatti un piccolo industriale del settore automobilistico. 

null
Carol Rama opere su carta 1962-1998 MEB Arte Studio, Borgomanero

E poi gli anni ’80 e ’90 con il ritorno alla figurazione, abbandonata appena dopo l’esordio negli anni ’30, forse anche a causa delle critiche e dello sgomento scaturiti, tra pubblico e critica, dalla sua prima serie d’acquerelli sulla condizione femminile. Si riaffacciano così sulle tele le figure umane, i dettagli anatomici, gli organi genitali, le vulve e i falli, quella sensualità violenta, quell’erotismo osceno, provocatorio e ribelle, «il grande tabù» - dirà lei - che le era costato la censura del regime.  A popolare l’oscuro immaginario nelle carte in mostra della Rama sopraggiungono anche temi d’attualità, dal morbo della mucca pazza a Buster Keaton con un pezzo della serie a lui dedicata, ma sembra sempre essere la "donna” il fil rouge che accompagna lo spettatore nell’articolato universo interiore della Rama, ritratta a nudo, calata nello squallore e nell’oscenità del reale: disabilità, aborto, abusi, sangue e carne tratteggiano prepotentemente una femminilità terrena e primordiale, con l’invasione di punte non celate d’autobiografismo. «Dopo oltre 15 anni le opere di Carol tornano a Borgomanero -  racconta il curatore – ho selezionato una decina di opere che, eseguite dagli anni ’60 fino all’alba del nuovo millennio, permettono di indagare i vari periodi che hanno scandito la sua carriera. La serie fornisce una visione completa del suo operato artistico, stimolando approfondimenti su questa artista fuori dall’ordinario.» 

Barbara Taccone
Mostra visitata il 5 maggio

Dal 5 maggio al 16 giugno 2018
Marco Emilio Bertona
MEB Arte Studio
Via San Giovanni 26 Borgomanero (NO) 
Orari: sabato 10-12.30 / 14-19 o su appuntamento
Info: cell. 342.8854339 / Mail: mebartestudio@gmail.com, www.mebartestudio.it

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Barbara Taccone
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram