Demetz, la vita segreta della materia 3239 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/10/2018
Dopo 25 anni la statua di Zeus in trono torna a Baia
20/10/2018
Notturni da Chopin a Carlo Mattioli. All’Auditorium di Parma, concerto dedicato all’artista
20/10/2018
Il Sub-Marine di Giusva Pecoraino approda a Palermo

+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Demetz, la vita segreta della materia

   
 Si inaugura questa mattina a Napoli, al Museo Archeologico Nazionale, la personale di Aron Demetz “Autarchia”, un progetto espositivo in dialogo con le collezioni del museo, in particolare ispirato alle collezioni Farnese ed Egizia  
 
Demetz, la vita segreta della materia
pubblicato

Seguo da tempo il percorso di ricerca, ormai ultraventennale, di Aron Demetz (Vipiteno, 1972), autore delle sculture in varie dimensioni e materiali, in gran parte inedite, da questa mattina in mostra all’interno di un complesso installativo che interagisce con le opere del MANN. In particolare, Demetz ispira alle collezioni Farnese ed Egizia del Museo Archeologico di Napoli le impostazioni dinamiche e posturali delle sue sculture.
Le forme plastiche di Demetz, straordinario "arbiter elegantiae”, anelano a portare alla luce il loro inconscio. Egli recupera infatti nelle reminiscenze classiche e medievali, una spiritualità intensa, una sobrietà autorevole che spoglia il soggetto da ogni paludamento celebrativo al fine di rappresentare l’odierna fragilità umana. Ciononostante, le sue figurazioni hanno un indubbio afflato monumentale, mantengono cioè un atteggiamento imperturbabile, le emozioni sembrano documentate anziché patite, attraverso le declinazioni della ragione che tutto regola. O quasi. Il senso metafisico pervade quei punti della massa che emergono a fatica dall’amorfismo della materia originaria, modellazioni ora scarnificanti ora impalpabili allusive del mistero insoluto, della rivelazione non avvenuta, ma della fede rimasta. La formazione di Demetz, artista colto e metodico, risulta complessa e stratificata, tra Arnolfo di Cambio e Giovanni Pisano, Canova e Medardo Rosso, tra Moore e Giacometti, tra Martini e Marini. Con Moore sembra condividere il senso di vitalità applicato alla scultura: "la presenza nell’opera di una sua energia contenuta, di una sua propria vita intensa, indipendente dall’oggetto che rappresenta”. (Cesare Biasini Selvaggi)
 

INFO
Opening: ore 12.00
Aron Demetz - Autarchia
dall’8 giugno al 29 luglio 2018
a cura di Alessandro Romanini
MANN Museo Archeologico Nazionale di Napoli
Piazza Museo 19, Napoli
orari: dal mercoledì al lunedì, dalle ore 9.00 alle 19.30
www.museoarcheologiconapoli.it





 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram