A scuola c’è il Big Bang. All’Istituto Matteucci di Milano, il progetto di Art Sweet Art 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/10/2018
Dopo il restauro, lo Smithsonian presenta le scarpette rosse indossate da Judy Garland nel mago di Oz
23/10/2018
1502 ragioni per partecipare al Premio Giovani Artisti Emilia Romagna, appena aperto
23/10/2018
Maratona Yoko Ono. Rassegna di film e cortometraggi allo Studio Stefania Miscetti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

A scuola c’è il Big Bang. All’Istituto Matteucci di Milano, il progetto di Art Sweet Art

   
   
 
A scuola c’è il Big Bang. All’Istituto Matteucci di Milano, il progetto di Art Sweet Art
pubblicato

Per il suo settimo appuntamento, Art Sweet Art, il progetto di residenze artistiche in abitazioni private, sceglie di cambiare aria e si apre a un nuovo spazio, la Scuola dell'infanzia Matteucci di Milano. Qui, l’artista Lorenzo Cianchi, in collaborazione con Valentina Bigaran, ha dato vita a Big Bang, progetto che sarà presentato martedì, 12 giugno, alla presenza di tutti i bambini, delle famiglie, dei docenti, degli artisti e dei curatori di Art Sweet Art, per l’occasione coadiuvati da Paola Boccaletti
Big bang è durato sei mesi ed è stato articolato in due fasi: un laboratorio didattico e un’installazione artistica che rimarrà permanentemente nell’istituto scolastico. Il workshop, che ha visto il coinvolgimento di 200 bambini di età compresa tra 3 e 5 anni, si è sviluppato a partire da due temi principali individuati dopo una serie di incontri con il corpo docente: la luce e il colore. Nel corso di diversi appuntamenti con gli artisti, i bambini hanno potuto sperimentare e familiarizzare con il colore, le forme che può assumere, l’importanza della luce e le sue variazioni nella storia dell’arte, con un riferimento d’autore alla Cattedrale di Rouen di Claude Monet. Il laboratorio, dal carattere fortemente esperienziale, ha trovato il suo momento culminante nella realizzazione di un’opera realizzata dai due artisti, un tappeto in silicone, totalmente calpestabile, frutto delle riflessioni scaturite durante gli incontri con i bambini e che rimarrà sempre visibile all’interno dell’istituto, con la possibilità di cambiare luogo di fruizione, in base alle necessità, come una sorta di "monumento mobile” alla creatività.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico