Archivio Pensiero+Azione 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Archivio Pensiero+Azione

   
 Ultimo appuntamento con la rubrica dedicata al progetto “Il Pensiero che non diventa Azione avvelena l'Anima” di Eva Frapiccini, che inaugura il 15 giugno 2018 presso l’Archivio Storico Comunale di Palermo e che raccoglie i lavori frutto di laboratori con gli studenti dei Licei Artistici Catalano e Ragusa-Kiyohara di Palermo, sulla narrazione dei protagonisti della lotta alla Mafia e di mappatura fotografica dei luoghi degli attentanti e delle stragi di stampo mafioso. La mostra resterà aperta al pubblico dal 15 giugno al 30 agosto 2018.  
 
Archivio Pensiero+Azione
pubblicato

"Nel 1975, nella nostra città il numero dei tossicodipendenti da eroina era pressoché inesistente; oggi sappiamo tutti tale numero è compreso tra tremila e quattromila unità. La diffusione dell'eroina esercita nel nostro Paese l'attacco delle forze eversive allo Stato democratico. Giustamente le forze di Polizia vengono mobilitate a combattere l'eversione; si fa più aggressiva, nel contempo la criminalità comune e mafiosa che si organizza e mette a punto una strategia nuova; sequestri di persona su nel Nord e nel centro Italia, raffinerie di eroina sull'isola. Per diversi anni le organizzazioni mafiose svolgono le loro attività pressoché indisturbate…”
Rocco Chinnici è stato un magistrato italiano, ideatore del pool di magistrati antimafia alla Procura di Palermo, capo dell'Ufficio Istruzione di Palermo. Mise i giudici Falcone e Borsellino in condizione di operare nella costruzione di quello che diventò il Maxiprocesso a carico di Cosa Nostra. Chinnici è stato anche il primo ad intuire l'importanza degli incontri con i ragazzi delle scuole, come dimostra il presente documento, per parlare alle nuove generazioni del pericolo di Cosa Nostra, del business della droga, per togliere il consenso popolare al potere mafioso.  
La mattina del 29 luglio 1983, proprio uscendo da casa, Chinnici viene ucciso da un'autobomba insieme al maresciallo dei carabinieri Mario Trapassi, l'appuntato Salvatore Bartolotta, componenti della scorta, e il portiere dello stabile, Stefano Li Sacchi. L'unico superstite fu Giovanni Paparcuri, l'autista. 

In alto e in homepage: Discorso di Chinnici agli studenti di un liceo di Palermo. Dal fondo archivistico famiglia Chinnici. Dettaglio dal progetto  Il Pensiero che non diventa Azione avvelena l'Anima di Eva Frapiccini, 2018. Courtesy dell'artista.

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram