Fino al 30.VI.2018 - The Shining Hardness, Air Daryal - Univocal Art Gallery, Brescia 3085 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/09/2018
Il fine settimana del Patrimonio. Sabato aperture serali a 1 euro in tutta Italia
21/09/2018
Babele e Stradivari. A Venezia, la Santa sede presenta una giornata di architettura e musica
21/09/2018
Donald Trump dietro le sbarre. Vandalizzata la stella del Presidente sulla walk of Fame
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 30.VI.2018
The Shining Hardness, Air Daryal
Univocal Art Gallery, Brescia

   
  Lucrezia Boso 
 
Fino al 30.VI.2018 - The Shining Hardness, Air Daryal - Univocal Art Gallery, Brescia
pubblicato

Tele di grandi dimensioni su cui dominano colori freddi ci avvolgono trasportandoci in un’altra dimensione. Ricordano paesaggi innevati, laghi ghiacciati, formazioni di stalattiti e stalagmiti e rimandano a una bellezza naturale pura, in un certo senso eterea. Non è un caso, allora, che questa mostra curata da Angelo Crespi e dedicata ad Air Daryal porti il titolo "The shining hardness": ci si riferisce alla "brillante durezza” del diamante, il cristallo par excellence. Dopo l’inaugurazione al MAC di Milano, questa "preziosa” e suggestiva declinazione della pittura informale prosegue all’Univocal Art Gallery di Brescia – in via Vittorio Emanuele, 67 – fino al 30 giugno.
Air Daryal nasce come pittrice figurativa, ma il suo stile evolve rapidamente, trovando la sua ultima espressione nel non-figurativo. Sulle sue tele, caratterizzate da tonalità fredde e da pennellate dense, restano talvolta incastonati anche dei residui minerari: come sottoposti a un processo di cristallizzazione, sulla superficie pittorica si sovrappongono elementi diversi, che conferiscono alle opere una forte impronta materica. I lavori sono di grandi dimensioni e si prestano a una doppia lettura, una più da vicino e una più da lontano. 

null
The Shining Hardness, Air Daryal

Se osserviamo le tele più da lontano, ci sentiamo circondati da un unico grande ambiente che non riusciamo ad afferrare del tutto – un po’ come accade di fronte a Vir heroicus sublimis di Newman. Se le osserviamo più da vicino, riusciamo a cogliere la rilevanza decisiva della componente materica, a volte tanto presente da rendere la superficie pittorica tridimensionale. In questa prospettiva, dal punto formale le opere di Air Daryal non risultano troppo distanti, ad esempio, da quelle del celeberrimo Anselm Kiefer; le tematiche, tuttavia, sono diverse. Air Daryal mette al centro della propria indagine la natura, riconsiderata anche nella tensione e nella relazione con il mondo artificiale creato dall’uomo. Nelle sue opere sembra riecheggiare una realtà altra, in cui tutto è come sospeso, cristallizzato o congelato per sempre.
Come indica il titolo della mostra, i lavori di Air Daryal si distinguono perché riescono a far "risplendere” qualcosa attraverso la "durezza”. Dal materiale compatto e denso emergono o, meglio, traspaiono delle schegge luminose, adamantine. In questo senso le sue opere possono richiamare alla mente anche il concetto greco di "aletheia”, di svelamento: allo stesso tempo coprono e rivelano qualcosa che non potrebbe manifestarsi altrimenti.

Lucrezia Boso
mostra visitata il 15 maggio

Dal 16 maggio 2018 al 30 giugno 2018
The Shining Hardness,
Air Daryal
Univocal Art Gallery
Via Vittorio Emanuele, 67 - Brescia
Orari: lunedì – venerdì 10,30 – 14,30, sabato 13,30 – 15,30
Info: https://www.airthegallery.com

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Lucrezia Boso
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram