Fino al 14.VII.2018 - Richard Patterson e Ged Quinn - Galleria Mucciaccia, Roma 3102 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/09/2018
Il fine settimana del Patrimonio. Sabato aperture serali a 1 euro in tutta Italia
21/09/2018
Babele e Stradivari. A Venezia, la Santa sede presenta una giornata di architettura e musica
21/09/2018
Donald Trump dietro le sbarre. Vandalizzata la stella del Presidente sulla walk of Fame
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 14.VII.2018
Richard Patterson e Ged Quinn
Galleria Mucciaccia, Roma

   
  camilla boemio 
 
Fino al 14.VII.2018 - Richard Patterson e Ged Quinn - Galleria Mucciaccia, Roma
pubblicato

Oggi che le tecnologie digitali stanno attestando una rivoluzione del linguaggio dell’arte, e realizzare delle immagini straordinarie non è mai stato tecnicamente più semplice, la pittura persiste nel narrarci un unicum estetico, non come un mero esercizio di stile, ma un bagliore iconico che lascia completamente conquistati, come per la doppia personale dei Britannici Ged Quinn e Richard Patterson alla Galleria Mucciaccia.
La mostra accompagna lo spettatore in una selezione efficace di lavori visionari più rappresentativi degli ultimi anni dei due artisti. Sia Patterson (uno dei Young British Artists) che Quinn sono nati nel Regno Unito nel 1963, fanno parte della generazione che è emersa nel periodo cruciale della Londra degli anni ottanta: l’era del post-Punk graffiante. 
Quinn è noto per realizzare dipinti densamente stratificati; che trasformano le tecniche storiche dell'arte in un'esperienza contemporanea con un approccio concettuale ed estratta, utilizzando dei metodi radicali nella composizione e nell’uso dell’immaginario.
Lavora in modo meticoloso ed esegue grandi opere pittoriche con una straordinaria abilità tecnica. Sotto la mano dell'artista, il paesaggio pastorale e la natura morta domestica si trasformano dal familiare al fantastico; i paesaggi illusori oscillano tra il consueto e il surreale. 
Quinn seleziona con cura le storie multiple, le narrative ed gli emblemi mitologici si scontrano come nella grande tela Montegrel Periplum nella quale magistralmente gioca con una dialettica di prossimità e di distanza attraverso il montaggio che lascia incantati e rapiti dall'intensità e dagli scenari inquieti e enigmatici che si diramano. 

null
Richard Patterson, Ged Quinn, vista della mostra

L'interazione di elementi tratti dalla storia culturale occidentale, dalla mitologia, dalla filosofia e dall'immaginazione crea un coinvolgimento con lo spettatore che sfida le nozioni preconcette di bellezza e arte.
Gli spazi dei dipinti di Quinn si sono evoluti negli ultimi anni verso una collisione illusoria di generi di varia natura, optando per una sovrapposizione di differenti immagini attraverso i frammenti della superficie dell’opera, una sorta di flusso nel quale i rimandi e le narrazioni seguono scenari temporali nei quali l’estetica dell’empatia rimanda alla ricerca e ai simboli del filone dell’iconologia ricercati da Aby Warburg; ne è un esempio il grande olio su tela Bela Forgets the Scissors (del 2016) collocato al centro della galleria.
Indubbio l’incontro con l’incompiuto e misterioso libro Mnemosyne Atlas, che sicuramente ha stimolato una prospettiva fatta di immagini diverse connesse cripticamente da gesti, sensazioni, movimento spazio ed ethos più che dalle parole come sostiene David Elliot nella pubblicazione della mostra; 
I complessi dipinti multistrato, i ready-mades, la fotografia e le opere tridimensionali di Richard Patterson si inseriscono saldamente nelle tradizioni dell'arte europea e americana. Nel suo lessico gli elementi "profani" derivanti dalla cultura popolare si inseriscono con i riferimenti nobili alla storia dell'arte attuando un processo di "mascheramento" nel quale i due linguaggi contrastanti della figurazione e dell'astrazione si modulano all'interno di un terremo ibrido.
Lo stesso terreno nel quale utilizza tutte le varianti del colore pantone tutte insieme in una sorta di Mary Quant Explosion forse origine di quella scintilla intuitiva che secondo lui dà "alla luce di Londra l’elemento principe per essere la luce ideale dei pittori moderni.”

Camilla Boemio
mostra visitata il 7 Giugno 2018

Dal 24 Maggio al 14 Luglio 2018
Richard Patterson | Ged Quinn
Galleria Mucciaccia
Largo della Fontanella Borghese, 89, Roma 
Orari: Lunedì – Sabato 10:00 19:30
Info: https://www.galleriamucciaccia.com/it/

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di camilla boemio
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram