Sogno o son Deste? Le residenze di Vignola, Modena e Ferrara rivivono con la tecnologia 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
14/11/2018
Pornhub e Milo Manara insieme, per un gioco di carte. Red Light, ovviamente
14/11/2018
Palazzo Grassi racconta la sua lunga storia, per due giorni tra moda e arte
14/11/2018
Disney Pixar ha rilasciato il primo teaser trailer di Toy Story 4
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Sogno o son Deste? Le residenze di Vignola, Modena e Ferrara rivivono con la tecnologia

   
   
 
Sogno o son Deste? Le residenze di Vignola, Modena e Ferrara rivivono con la tecnologia
pubblicato

Bisognerà ringraziare le nuove tecnologie, se potremo ammirare le decorazioni delle architetture estensi di Vignola, Modena e Ferrara, proiettate su vetri ottici tramite l’utilizzo di serigrafie. Con l’ausilio dei laser degli scanner 3D, sono stati effettuati precisissimi rilievi, con un margine d’errore inferiore a 1 centimetro, che, con l’aiuto di restauratori esperti, hanno restituito colore e vivacità ai decori della Rocca di Vignola, della Chiesa di Sant’Agostino a Modena e della Casa Romei a Ferrara, le prime architetture e residenze degne di nota, scelte per questo esperimento di ripristino conservativo. L’iniziativa, intitolata "Sogno o sono Deste”, è promossa da Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, Fondazione Cassa di Risparmio di Ferrara, Fondazione di Vignola e BPER BANCA, in collaborazione con l’Università di Ferrara. Il tutto sarà presentato a Vignola, il 13 luglio, si passerà poi a Modena, durante il Festivalfilosofia, e quindi a Ferrara, ovvero, i luoghi dove la casata d’Este ha regnato dal 1200 fino alla metà del 1800. 
Al lavoro di recupero è stato affiancato un gruppo di esperti di restauro che con tecniche raffinate hanno rilevato le tracce delle decorazioni, disegni e colori con toni vicinissimi ai toni originali. Per le parti mancanti, che oggi sono conosciute, si è usata la ricostruzione digitale, anche se in questo caso si può definire una ricostruzione particolarmente evoluta, che comprende diversi strumenti innovativi utilizzati da altrettanti "attori”. 
Dopo la serata inaugurale del 13 luglio, a Vignola, alle ore 22, in Piazza dei Contrari, seguiranno altre proiezioni e, in contemporanea, vi saranno gli eventi collaterali Openart, che tratteranno della storia e del significato dei decori rinati con questo particolare restauro, oltre ad approfondimenti sulla storia dell’arte, tra racconti iconografici e testimonianze. Fino a settembre saranno numerosi anche gli appuntamenti sotto la Rocca, che si trova nel cuore del Borgo. A Modena, invece, a Piazza di Sant’Agostino la facciata dell’omonima Chiesa s’illuminerà il 14 settembre, in concomitanza con il Festivalfilosofia di Modena, Carpi e Sassuolo che, quest’anno, è dedicato alla "Verità”. A Ferrara, dal 19 settembre al 12 dicembre, si terranno una serie di rievocazioni storiche e rappresentazioni musicali. 
E il progetto prevede, nel tempo, di raggiungere altre residenze estensi e restituirvi lo spettacolo delle loro decorazioni, mantenendo lo slogan, sicuramente efficace, "Sogno o son Deste".
Il calendario completo degli appuntamenti è disponibile qui. (Eugenia Neri)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram