In tour con il Nysferatu di Andrea Mastrovito. Il ciclo di proiezioni inizia alla GAMEC 3126 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/09/2018
Paolo Icaro dona le fotografie del suo Prato in quattro tempi all'Università di Milano
19/09/2018
Gucci ha lanciato un account instagram dedicato agli amanti dell'arte
19/09/2018
Open Day RUFA: l'Accademia presenta i suoi nuovi spazi al Pastificio Cerere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

In tour con il Nysferatu di Andrea Mastrovito. Il ciclo di proiezioni inizia alla GAMEC

   
   
 
In tour con il Nysferatu di Andrea Mastrovito. Il ciclo di proiezioni inizia alla GAMEC
pubblicato

C'è un vampiro in giro per l'Italia e non ha affatto paura del sole estivo. Tre nuove tappe per NYsferatu, il film di animazione realizzato da Andrea Mastrovito che, dopo il debutto nell’agosto del 2017 a New York e i passaggi a Ginevra, Osnabrück, Milano, Brescia e Vienna, arriverà anche a Bergamo, Firenze e Palermo. 
Il tour si aprirà lunedì, 9 luglio, presso la GAMeC, con un’introduzione del direttore Lorenzo Giusti, mentre a seguire, martedì, 10 luglio, la proiezione al Museo Novecento di Firenze, con un talk condotto dal Direttore Sergio Risaliti. Chiusura giovedì, 12 luglio, a Palermo, a cura di Helga Marsala, al suggestivo parco archeologico monumentale del Castello a Mare, fortificazione d'età aragonese con origini arabo-normanne. 
Il progetto trae ispirazione da Nosferatu, capolavoro del cinema espressionista di Friedrich Wilhelm Murnau, uscito nel 1922 e, a sua volta, modellato sul Dracula letterario di Bram Stoker. Il nuovo adattamento di Mastrovito fonde arte, cinema, letteratura, sguardo socio-politico e immaginario poetico-filosofico, in 65 minuti scanditi da oltre 30mila disegni, prodotti insieme a 12 fra i migliori allievi dell’Accademia di Belle Arti G. Carrara di Bergamo e dell’Accademia di Belle Arti di Brera. Trascrizione animata e quasi fedele della pellicola di Murnau, NYsferatu opera un détournement sul piano delle ambientazioni e della sceneggiatura, con il conte Orlok (alias Dracula) che attraversa le luci e le ombre di una New York contemporanea e controversa, tra strategie di controllo e fobie da terrorismo. 
Le proiezioni di Bergamo e Palermo saranno proposte nella versione concepita per il Festival del Cinema di Roma, ovvero, con una sonorizzazione con partiture per piano e voce, eseguite dal vivo, ad accompagnare il soundtrack del film, con al pianoforte Simone Giuliani e ai microfoni Bisan Toron. Inoltre, un volume, realizzato in sinergia dai tre musei, raccoglierà testi critici, disegni e una documentazione fotografica delle proiezioni e dei concerti.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram