Quel tram chiamato “23 Lambrate” 3076 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/09/2018
L’età dei vent’anni. Andrea Senoner vince la quarta edizione del Premio Cramum
17/09/2018
Appuntamento ai Giardini della Biennale. Lavazza restaura lo storico Caffè Paradiso
17/09/2018
Biglietti dei musei a due euro per gli under 25 e una nuova settimana della cultura
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Quel tram chiamato “23 Lambrate”

   
 È il collettivo artistico ITALIANCODE il protagonista di “Italian (POP) Code”, la terza mostra della nuova serie di “st art. L’arte per tutti”, il progetto di Mondadori Store di Milano curato da Angelo Crespi  
 
Quel tram chiamato “23 Lambrate”
pubblicato

Il collettivo artistico ITALIANCODE, formato da Stefano Albertini, Luciano Bobba e Max Portale, è nato spontaneamente da una riflessione su Expo 2015 e sui possibili progetti da proporre durante l’evento internazionale: la prima idea è stata quella di trasformare le mappe di Milano, e in seguito di altre città, in piccole opere d’arte che potessero, da un lato, essere utilizzate dai turisti e, dall’altro, diventare oggetti da collezione.
Questo collettivo, dalle ore 19 di oggi pomeriggio, è protagonista di "Italian (POP) Code”, la terza mostra della nuova serie di "st art. L’arte per tutti”, il progetto di Mondadori Store curato da Angelo Crespi con l’idea di rendere ancora più accessibile l’arte contemporanea e i suoi protagonisti. Presentato a Milano, al Mondadori Megastore di piazza, il lavoro di ITALIANCODE trasforma in questa occasione in opera d’arte un’icona tipicamente milanese: il tram. In una sorta di amarcord dai tratti pop, i mezzi vengono declinati, tra Banksy e Rotella, nella loro colorata essenza e presenza, a partire dal mitico "23 Lambrate” che ha segnato, per oltre ottant’anni, il capoluogo meneghino, diventando un simbolo letterario, il cui sferragliare ha gli echi di Testori o del cinema neorealista di Visconti. Durante l’inaugurazione, verrà proiettato un lavoro del fotografo e videomaker Dimitar Harizanov, alias Mitaka Neverdead, detto Spiderman: un corto che mixa le sue vedute spettacolari (realizzate da altezze vertiginose dalle cime dei nuovi grattacieli milanesi) con le opere di ITALIANCODE. E, inoltre, Francesca Romano proporrà una serie di immagini fotografiche a testimonianza delle ultime performance di action painting di cui è stato protagonista il collettivo. Una mostra che profuma di rivisitazione (naturalmente pop) di un’icona distintiva dell'italianità come il tram, un pezzo di storia che, nonostante le nuove vesti pop, continua a portare e contenere la medesima aura e la stessa forza evocativa. 

INFO
Opening: ore 19
Italian (POP) Code
dal 10 luglio al 2 settembre 2018
Mondadori Megastore
piazza del Duomo 1, Milano
ingresso gratuito
mondadoristore.it


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram