Il tempo presente, raccontato dal corpo. Il Festival Bolzano Danza parte dal Museion 3062 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
16/07/2018
Artista inglese ai collateral di Manifesta aggredito a Palermo. È in condizioni gravi
16/07/2018
Nel 2019 uscirà un nuovo documentario dedicato a David Bowie
16/07/2018
È stata ritrovata una sceneggiatura scritta da Stanley Kubrick
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Il tempo presente, raccontato dal corpo. Il Festival Bolzano Danza parte dal Museion

   
   
 
Il tempo presente, raccontato dal corpo. Il Festival Bolzano Danza parte dal Museion
pubblicato

Un presente irrequieto, raccontato dall’espressione di corpi performativi, prestanti, sensoriali, inattesi. La 34ma edizione del festival Bolzano Danza/Tanz Bozen, in programma dal 12 al 27 luglio, diretta da Emanuele Masi e arganizzata dalla Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, sarà proiettata sul mondo e aperta al dialogo, per incontrare nuovi pubblici e offrire esperienze alternative del nostro tempo. 35 rappresentazioni, di cui sei in prima nazionale, due in prima assoluta e quattro coproduzioni, compongono il cartellone 2018, ospitato nelle sale del Teatro Comunale, al Museion-Museo di arte contemporanea di Bolzano, in centri nevralgici e parchi cittadini nonché al NOI Techpark, a Vadena e Renon. Novità di quest’anno è la presenza di un guest curator per l’ideazione degli eventi Outdoor, Michele Di Stefano, coreografo e guida del collettivo mk, Leone d’Argento per l’innovazione alla Biennale di Venezia 2014 e già conosciuto dal pubblico del festival per il progetto della Museion Media Façade 2014. 
Numerosi gli artisti dell’ambito performativo italiano, quali Roberta Mosca e Canedicoda, Strasse, Maurizio Saiu, Fabrizio Favale, Claudia Castellucci. Al Teatro Comunale è invece protagonista la coreografia con i grandi nomi della scena internazionale: Bill T. Jones, Michael Clark, Ohad Naharin, Helena Waldmann, Eric Gauthier, Marco Goecke, Boris Charmatz, Virginie Brunelle, Roberto Zappalà, Alessandro Sciarroni, Michele Di Stefano, Lali Ayguadé e Dunja Jocic. L’ouverture del Festival, come consuetudine da diverse edizioni, si svolgerà a Museion, giovedì, 12 luglio, con il progetto site specific Argon, firmato dal coreografo Fabrizio Favale in collaborazione con il collettivo multimediale ZimmerFrei. Ogni giovedì, durante il festival, Argon assumerà nuove sfumature e declinazioni, dialogando con gli stati della materia e l’edificio di Museion. Le danze al Comunale si aprono il 13 luglio, con Bill T. Jones che, con la sua storica compagnia americana, presenta Story/ e D-Man in the Water, due capolavori del suo repertorio, che mettono in dialogo il movimento con la musica di Schubert e Mendelssohn, eseguita dai Solisti dell’Orchestra Haydn. Gradito ritorno quello di Helena Waldmann, mentre debutto assoluto per la compagnia di Roberto Zappalà e prima volta a Bolzano Danza anche per la serba Dunja Jocic. 
Qui il programma completo.

In home: Bill T. Jones, D-Man, foto Paul B. Goode 
In alto: Helena Waldmann, Gute Pässe Schlechte Pässe
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram