Fino al 29.VII.2018 - Aron Demetz, Autarchia - Museo Archeologico Nazionale, Napoli 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
14/11/2018
Pornhub e Milo Manara insieme, per un gioco di carte. Red Light, ovviamente
14/11/2018
Palazzo Grassi racconta la sua lunga storia, per due giorni tra moda e arte
14/11/2018
Disney Pixar ha rilasciato il primo teaser trailer di Toy Story 4
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 29.VII.2018
Aron Demetz, Autarchia
Museo Archeologico Nazionale, Napoli

   
  Ambra Benvenuto 
 
Fino al 29.VII.2018 - Aron Demetz, Autarchia - Museo Archeologico Nazionale, Napoli
pubblicato

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli continua ad avallare il confronto tra antico e contemporaneo. Questa volta, il protagonista è Aron Demetz. Lo scultore di Vipiteno è ben consapevole della difficoltà di operazioni del genere: «Esporre al Museo Archeologico è stato come accettare una sfida, perché le sculture potevano risultare ridimensionate rispetto alle straordinarie collezioni del Mann: al contrario, il legame tra passato e presente ha svelato una continuità leggibile tra le sensibilità di ieri e di oggi». Demetz ha studiato attentamente le collezioni Farnese ed Egizia e il risultato si vede. A differenza di altri artisti che hanno avuto la possibilità di confrontarsi con il Mann e con ciò che tale istituzione rappresenta, Demetz è stato in grado di proporre opere che effettivamente riescono a reggere il confronto. I lavori in esposizione sono frutto di uno studio che va oltre una lettura spaziale esclusivamente visiva: unità e frammentarietà sono caratteristiche tanto delle opere della collezione permanente tanto delle sue sculture. Opere e curatela, di Alessandro Romanini, fanno sì che il fruitore abbia a che fare con un lavoro in cui non c’è traccia di approssimazione – fatto meno ovvio che mai.  

null
Senza titolo, 2018, gesso e ferro, 115x55x40cm. Veduta dell'installazione

Il titolo "Autarchia” si riferisce a quella sorta di codice di autoregolamentazione che avviene nel corso della realizzazione personale di creazione artistica. I soggetti coinvolti sono due: autore e materiale. Il voler esporre le fasi del processo è leggibile dalle sezioni delle sculture lasciate volutamente inconcluse o in uno stato poco definito. Altre sculture di legno sono in uno stato successivo all’intaglio: la rifinitura è stata affidata al fuoco. Le sculture sono fortemente influenzate da processi di interazione. Da un lato, molti sono calchi di persone vicine all’artista; dall’altro, la manipolazione del materiale non è mai una tecnica da applicare indifferentemente ma è il risultato dello studio delle caratteristiche della stessa. Gli interessati a partecipare allo step successivo, quello di interazione tra pubblico e opere, possono farlo in diversi spazi del museo, tra i quali atrio, giardini, sala Farnese, Meridiana.  

Ambra Benvenuto
Mostra visitata il 7 giugno

Dal 7 giugno al 29 luglio 2018
Aron Demetz, Autarchia
Museo Archeologico Nazionale di Napoli
Piazza Museo 19, 80 135 Napoli 
Orari: tutti i giorni tranne il martedì, dalle 9 alle 19.30 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Ambra Benvenuto
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram