Le Residenze Reali diventano metafisiche, nelle fotografie di Guler Ates per Art Site Fest 3130 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/09/2018
Paolo Icaro dona le fotografie del suo Prato in quattro tempi all'Università di Milano
19/09/2018
Gucci ha lanciato un account instagram dedicato agli amanti dell'arte
19/09/2018
Open Day RUFA: l'Accademia presenta i suoi nuovi spazi al Pastificio Cerere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Le Residenze Reali diventano metafisiche, nelle fotografie di Guler Ates per Art Site Fest

   
   
 
Le Residenze Reali diventano metafisiche, nelle fotografie di Guler Ates per Art Site Fest
pubblicato

La Reggia di Venaria, la Palazzina di Caccia di Stupinigi, il Castello di Govone e Palazzo Madama, attraversati da figure misteriose ed eteree, ammantate da delicati veli dai colori sgargianti. Così gli spazi carichi di suggestioni storiche delle Residenze Reali del Piemonte, diventano lo scenario ideale per le misteriose fotografie di Güler Ates, artista londinese e di origini turche che ritrae le sue modelle durante sedute di shooting simili a performance, tra danza e teatro, contestualizzate per gli ambienti in cui si svolgono. 
L’artista, che in Gran Bretagna, al Royal College of Art, insegna tecniche di stampa digitale, è stata invitata a effettuare dei sopralluoghi nelle Residenze Reali, da maggio fino a luglio, nell’ambito del progetto Art Site Fest, progetto dell’Associazione Phanes, realizzato in collaborazione con il Consorzio delle Residenze Reali Sabaude e con il sostegno di Fondazione CRT, Reale Mutua e Museumstudio. L’edizione di quest’anno, in occasione delle celebrazioni dell’Anno Europeo del Patrimonio, si svolgerà dal 19 settembre al 25 novembre e si diffonderà tra diverse sedi: Reggia di Venaria, Castello di Racconigi, Castello di Govone, Palazzina di Caccia di Stupinigi, Palazzo Madama, Palazzo Chiablese, Palazzo Biandrate, Museo Egizio, Castello Cavour di Santena. 
Tema di questa quarta edizione è il senso del luogo, inteso come sensibilità alle qualità formali e alla storia di uno spazio nel quale il vissuto degli uomini ha lasciato una traccia profonda. Nelle sue serie fotografiche, già realizzate in edifici monumentali tra Europa e India, Ates riesce a trovare un punto di mediazione tra la tradizione fiamminga e quella orientale, giocando con il contrasto tra luce e oscurità, tra materie e prospettive, per definire uno spazio sospeso nel tempo, nel quale si muovono presenze metafisiche, come statue velate, abbigliate con stoffe spesso preziose. Le fotografie, realizzate specificamente per questa occasione, saranno esposte nelle stesse Residenze, suggerendo rimandi e nuovi richiami.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram