SUPERCITY! Cusanello San Dugnano 3077 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/09/2018
Paolo Icaro dona le fotografie del suo Prato in quattro tempi all'Università di Milano
19/09/2018
Gucci ha lanciato un account instagram dedicato agli amanti dell'arte
19/09/2018
Open Day RUFA: l'Accademia presenta i suoi nuovi spazi al Pastificio Cerere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

SUPERCITY! Cusanello San Dugnano

   
   
 
SUPERCITY! Cusanello San Dugnano
pubblicato

Dal 20 giugno al 14 ottobre 2018 saranno presenti, presso il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo, 800 opere fotografiche provenienti da 70 fotografi amatoriali che hanno deciso di raccontare lo spazio urbano dell’area metropolitana a nord di Milano.
Sono quattro i circoli che hanno partecipato, di quattro comuni specifici: Cusano Milanino, Cinisello Balsamo, Paderno Dugnano e Sesto San Giovanni.
Le opere dei partecipanti sono state selezionate da un comitato scientifico pescando tra numerosi archivi privati, con lo scopo di richiamare l’attenzione su una città esistente con qualcosa da raccontare e che non vuole apparire solo come un luogo per risiedere la sera.
Il progetto è stato ideato e condotto da Matteo Balduzzi con l’aiuto di tre curatori d’eccezione: il fotografo Giorgio Barrera, il giornalista Michele Smargiassi e la photo-editor Renata Ferri; l’obiettivo è trasmettere, attraverso la tecnica fotografica, uno spazio in forte trasformazione e sviluppo e allo stesso modo coinvolgere il pubblico e le persone che ci abitano.
I linguaggi sono molteplici, i formati di diverso genere ed il linguaggio rappresentativo varia a secondo della persona ma la voglia di raccontare il territorio milanese a proprio modo, come lo si vive e percepisce, rimane il focus comune del progetto.
In concomitanza viene esposta anche una sezione "24hours a-day” che riunisce le immagini scattate durante un tour de force, durato 24 ore, negli spazi dei rispettivi 4 comuni.
L’inaugurazione del progetto è stata accompagnata da un gioco serale a squadre, "Photo-Juer”, che ha permesso ai quattro circoli, rappresentanti dei quattro comuni, di schierarsi, uno contro l’altro, con un gioco a quiz e radunare, in piazza Gramsci, una comunità di persone curiose e con la voglia di entrare a far parte di una collettività.
Il risultato è una rassegna di momenti e vite vissute; un mosaico di immagini che non appare disgiunto ed asettico ma al contrario un racconto comune su una città che vuole essere in primis patrimonio per i suoi abitanti. (Gaia Tonani)

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram