Fino al 20.VII.2018 - La Torre Maluttona + Mercato Babelico, Fondazione Malutta - Galleri... 3093 utenti online in questo momento
exibart.com
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 20.VII.2018
La Torre Maluttona + Mercato Babelico, Fondazione Malutta
Galleria Monitor, Roma

   
  Carmelo Cipriani 
 
Fino al 20.VII.2018 - La Torre Maluttona + Mercato Babelico, Fondazione Malutta - Galleria Monitor, Roma
pubblicato

Sembra ironizzare sull'autoreferenzialità del sistema la Fondazione Molutta di Venezia, che all'egocentrismo dell'artista, divo e unico, contrappone l'identità collettiva, lo stare insieme e il con-fondersi. Un'ironia chiara fin dal nome che invoca la formula istituzionalizzata per poi concretizzarsi nella meno impegnativa soluzione associativa. Cinquantadue artisti, italiani e stranieri, in gran parte giovanissimi, tra i 20 e i 35 anni, con punte ai quaranta per i soci fondatori, diversissimi per provenienza e mezzi espressivi ma accomunati da una formazione veneziana, tra Iuav e Accademia di Belle Arti, compongono il pluriforme scenario espressivo della fondazione, rivendicando al contempo l'internazionalità della scena lagunare. Nato ufficialmente nel 2013, ma già con esperienze espositive pregresse, il collettivo vanta già mostre in luoghi prestigiosi, dentro e fuori Venezia.
Una nuova mostra, a Roma, da Galleria Monitor, presenta, per la seconda volta dopo l'esposizione dello scorso anno, nomi e intenti del collettivo. Lo fa con un duplice allestimento, che oltre a ricalcare lo spazio capitolino, riafferma la duplicità del concept, interamente concepito sul binomio Torre di Babele-Mercato che per l'occasione si è trasformato nel titolo "La Torre Maluttona + Mercato babelico". Ad introdurre la mostra vi è un ritratto di Adriano Celentano rinvenuto casualmente e reso volutamente  kitsch. Icona pop italiana per eccellenza, Celentano è eletto sardonicamente a nume tutelare del gruppo. Alla notorietà del personaggio si contrappone l'anonimato dell'esecutore (un ignaro e sconosciuto pittore la cui firma è ancora leggibile sul fronte) che ancora una volta si perde nei meandri di un'identità molteplice, ribadendo il duplice fine dell'incontro e della mescolanza. 

null
La Torre Maluttona + Mercato babelico, Fondazione Maluttona, foto di Giorgio Benni

Molteplici i mezzi espressivi adoperati dagli artisti, tanti quanti i linguaggi, dalla pittura al ricamo, dal disegno alla scultura fino alla grafica e all'installazione. Un'immagine autenticamente babelica riflettente l'età contemporanea ma anche la molteplicità di mezzi di cui quest'ultima dispone per raccontarsi.
Parcellizzati in un'identità plurima, gli oltre cinquanta artisti rinunciano parzialmente alla propria individualità per generare un fronte unico e un impatto complessivo, a tratti dirompente, reso con efficacia nella duplice installazione romana. Da un lato la Torre Maluttona, ironica parafrasi della piu famosa torre biblica, in cui i diversi linguaggi si riassumono e i nomi si aggregano, dall'altro il Mercato babelico, con tanto di tavolo e bandierine da festa, in cui le singole personalità si disgregano ritornando individuali. Un esperimento riuscito, che annulla le differenze ma non le omologa, difende la personalità senza nulla cedere al divismo dell'artista solo ed inarrivabile. Un'esperienza da vivere e su cui riflettere, ma con spensieratezza, la stessa che anima gli artisti e che così soavemente li fa convivere.

Carmelo Cipriani
mostra visitata il 20 giugno   

Dal 20 giugno al 20 luglio 2018
La Torre Maluttona + Mercato babelico, Fondazione Maluttona
Via Sforza Cesarini 43-44, 00186 Roma
Orari: da martedì a venerdì, dalle 13 alle 19
Info: +39 0639378024, monitor@monitoronline.org, www.monitoronline.org


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Carmelo Cipriani
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram