Fino al 30.VII.2018 - Rune Guneriussen, Traces of affection - Marcorossi Artecontemporanea... 3079 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/01/2019
L’Urlo di Munch in bianco e nero, arriva a Londra
18/01/2019
Daniel Pennac non è gradito a Empoli: polemica per l'invito dello scrittore francese che difese Cesare Battisti
18/01/2019
Le opere di Christoforos Savva tornano alla Biennale di Venezia, per il Padiglione di Cipro
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 30.VII.2018
Rune Guneriussen, Traces of affection
Marcorossi Artecontemporanea, Pietrasanta

   
  Camilla Bertoni 
 
Fino al 30.VII.2018 - Rune Guneriussen, Traces of affection - Marcorossi Artecontemporanea, Pietrasanta
pubblicato

Nuovi lavori dell’artista norvegese Rune Guneriussen (nato nel 1977 a Kongsberg) alla galleria Marcorossi Artecontemporanea nella sede di Pietrasanta dopo quella di Verona. Il suo modo di operare, attraverso la fotografia, prevede la scelta di un luogo, isolato, dove i segni umani posti artificialmente in paesaggi incontaminati, istituiscano un dialogo (impossibile?) con la natura. Natura che resta miracolosamente intatta, anche dopo la faticosa messa in opera di oggetti che sono il risultato dell’opera e dell’ingegno umani. Negli scatti in luoghi innevati questo prevede, per esempio, che l’artista attenda, dopo aver costruito i suoi pilastri di libri, sparpagliato le sue lampade, costruito le sue piramidi di sedie, che siano nascosti i fili elettrici e le sue stesse impronte sulla neve, magari attendendo una nuova precipitazione metereologica. Alla fine, sembra che natura e civiltà umana siano inglobate in un’unica identità, in un magico equilibrio. Come quello delle sedie irrazionalmente, ma molto accuratamente, accatastate in un ordine tutto personale sulla battigia, con le onde che sembrano resistere alla tentazione di far crollare tutto in un momento. Esattamente quell’equilibrio che nella realtà troppo spesso non avviene tra natura e impatto umano. 

null
Rune Guneriussen, Traces of affection

Quanti giorni ci vogliono per uno scatto? "Almeno tre, per uno facile”, risponde l’artista, ma spesso sono molte di più le giornate impiegate per una sola immagine, su uno scenario prima ricercato, magari osservato nei suoi cambiamenti nel corso delle stagioni, poi costruito pazientemente ad arte, con quella sensibilità che appartiene all’artista e con un risultato che sia "il più estetico possibile”, come lui stesso spiega. A volte il tempo impiegato è anche di un mese o due. Le foto sono analogiche, il lavoro in postproduzione è minimo. La scelta dell’attimo luminoso perfetto è quasi una fissazione. "L’obiettivo – spiega Guneriussen – è ricostituire un circolo tra ciò da cui veniamo, la natura, e ciò che siamo, rappresentato dai libri, frutto della sapienza di centinaia di anni.” Le foto, emozionanti e suggestive, propongono situazioni "in cui ognuno può vedere quello che corrisponde alla sua personale percezione.” Il prossimo progetto, anticipa l’artista, sarà con sculture di legno costruite in studio e portate nella natura, andando alla ricerca di spazi intatti, in Germania.

Camilla Bertoni 
mostra visitata il 26 maggio nella sede di Verona

Dal 7 al 30 luglio 2018
Rune Guneriussen, Traces of affection
Marcorossi Artecontemporanea
piazza Giordano Bruno 14 e via Garibaldi 16, Pietrasanta
Orari: tutti i giorni dalle 11:00 alle 13:00 e dalle 18:00 alle 0:30
Info: www.marcorossiartecontemporanea.net

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Camilla Bertoni
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram