PERFORMANCE 3097 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/11/2018
#MyRavenna. Be inspired: un video contest per raccontare la città
19/11/2018
Leda e il cigno, a luci rosse. Una nuova pittura parietale emerge dagli scavi di Pompei
19/11/2018
50mila fuochi d'artificio sul cielo di Firenze. La performance pirotecnica dell'artista cinese Cai Guo-Qiang
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

PERFORMANCE

   
 Il Safari come atto performativo, o dove sistemare il confine tra realtà e finzione
di Marcella Vanzo
 Marcella Vanzo 
 
PERFORMANCE
pubblicato

Welcome to Tsavo east, theatre of the wild.
Ce lo presentano così il parco safari a nord del Kenya, il più grande raggiungibile dalla costa. E qui gli animali son selvaggi sul serio, è casa loro, niente transenne. 
Sono i turisti che arrivano a frotte, stagionalmente, i picchi in agosto e tra dicembre e gennaio, ventiquattrore alla volta poi il biglietto scade. Si spostano in piccoli gruppi dentro a piccoli pulmini, matatu, dal tetto apribile, parlano o parlucchiano inglese o almeno la loro guida, mangiano, bevono e dormono in hotel davanti a una pozza in cui gli animali bevono e vengono a guardare i turisti. Quelli che non hanno visto durante il/la game drive, che funziona così: turisti impacchettati da 4 a 8 alla volta, spediti una, due, tre volte al giorno a caccia di animali feroci da cui farsi cacciar via. Non ci si può avvicinare, niente cibo, non scendi, niente lance, solo teleobiettivi. È una lotta ad armi impari.
Mezz'ora di strada per vedere le chiappe di un leone che dorme al sole sul ciglio della strada e non vuol saperne di svegliarsi. Non gli si può nemmeno tirare una sassata per vedere che succede, un piccolo ruggito per la gioia dei bambini o del fotografo incallito col braccio ormai anchilosato e il formicolio al collo, incastrato da 33 minuti dietro al teleobbiettivo della sua Nikon da 17 chili nell'attesa di un sussulto felino.
Felice di non essere sul van lui.

null

E nemmeno con quelli che invece di fotografare selvaggiamente, si fotografano selvaggiamente. Selfie stick e autoritratto con gli elefanti. Autoritratto con i bufali, un po' lontani ma ci sono, l'immagine si legge proprio bene. Con le gazzelle imperiali, gazzelle thompson, le gazzelle giraffa, le antilopi e i dik dik. [Chihuaua formato gazzelle, non quelli nostrani]
E non si sono ancora stancati i nostri autoritrattisti che poi fermano un branco di zebre - ogni striscia, notare bene, è diversa - e di facoceri! I facoceri che meritano una foto tutta per loro, senza umani dentro, perché sono davvero uguali a Pumba*
Poi gli struzzi, maschio meraviglioso e femmina marroncina, che paiono assemblati a caso: collo di cigno, corpo di gallina esplosa post nucleare e zampe che si piegano al contrario. Eppure incredibilmente eleganti. Collo e zampe blu, piume nere, ali bianche. Un vero capolavoro.
E gli elefanti, qui ce ne sono parecchi. Pachidermi paciosi, rugosi, rossi per il colore della terra, che poi si lava via nelle pozze. Guardarli uno a uno da tre metri di distanza è bellissimo.

102211

Dei big five: leone, elefante, bufalo, leopardo e rinoceronte, un must per tutti i safari, ce ne mancano due. Indovinate quali. 
Ci vogliono solo tre ore di macchina per raggiungere l'entrata del parco dove i turisti si fanno immortalare travestiti con cappello sul cartello, poi altre tre per raggiungere il lodge e pranzare, poi altre due o tre prima di cena poi sveglia all'alba a caccia di quelli che mancano.
Buona fortuna!
Mentre i protagonisti principali di questa grandiosa messinscena, gli animali, sbadigliano o lasciano cadere, indifferenti, l'ennesima noce di merda, famosa quella d'elefante grazie a Chris Ofili, davanti ai nostri forsennati occhi.

* Riferimenti visivi. Pumba è uno degli interpreti principali del Re Leone di Walt Disney

**Per vedere un rinoceronte da vicino - che è difficilissimo in assoluto - vi consiglio Sudan,  il video di Luca Trevisani

*** L'elefante ve lo consiglio dal vivo. Foste invece desiderosi di un'esperienza virtuale, vedetevi Letter on the blind for the use of those who see di Javier Tellez

Marcella Vanzo

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Marcella Vanzo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram