Fino al 1.IX.2018 - Virginia Ryan, I Will Shield You - Castello di Postignano, Sellano (PG) 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/11/2018
#MyRavenna. Be inspired: un video contest per raccontare la città
19/11/2018
Leda e il cigno, a luci rosse. Una nuova pittura parietale emerge dagli scavi di Pompei
19/11/2018
50mila fuochi d'artificio sul cielo di Firenze. La performance pirotecnica dell'artista cinese Cai Guo-Qiang
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 1.IX.2018
Virginia Ryan, I Will Shield You
Castello di Postignano, Sellano (PG)

   
  Davide Silvioli 
 
Fino al 1.IX.2018 - Virginia Ryan, I Will Shield You - Castello di Postignano, Sellano (PG)
pubblicato

Una manifestazione in grado di allineare pertinentemente territorio, storia e ambiente nel segno dell'arte contemporanea e, inoltre, restituendo centralità alla cultura in una zona oggetto degli eventi sismici degli ultimi due anni. Tutto questo è Un castello all'orizzonte, evento in svolgimento presso il Castello di Postignano che quest'anno, nell'ambito della sua programmazione, ospita "I Will Shield You", personale di Virgnia Ryan organizzata in collaborazione con la galleria Montoro 12 di Roma, che sarà fruibile al pubblico fino al primo settembre. L'iter espositivo, accompagnato da ambientazioni sonore appositamente messe a punto per questo progetto dal music editor Tim Ryan, si snoda sui due livelli della sede e sulle relative sale mantenendo sempre una coerenza e filologia tale, da far intendere all'osservatore, pur nella singolarità di ciascun pezzo, come si sia al cospetto di una serie di opere dalla genealogia comune. La mostra, che nella giornata del vernissage ha previsto una perfomance della danzatrice e coreografa Carol Magnini e allestita presso l'appartamento Sabbioneta, porta in esposizione una serie di lavori realizzati dall'artista negli ultimi tre anni della sua attività, esito delle ricerche da lei condotte su tematiche di attuale urgenza come l'identità, la globalizzazione, la deterritorializzazione, la migrazione, il post-colonialismo e la diversità; qui tradotte attraverso il proprio linguaggio visivo. Si tratta di sculture assemblate a forma di scudo e costituite da materiali diversificati nell'origine e nella tecnica, da cui è possibile comprendere la vocazione interdisciplinare dell'autrice, risultato delle sue esperienze in Africa, Sud America, Gran Bretagna, Europa ed Australia. Per mezzo di un siffatto modus operandi, partendo dalla funzione e dalla forma archetipica dell'oggetto scudo elevandolo sia a mezzo che oggetto del suo intervento, l'artista dimostra le proprie influenze stilistiche e culturali partendo già dall'analisi dei materiali componenti, che vanno dagli oggetti trovati e recuperati fra Costa D'Avorio e Ghana insieme a motivi cromatici e grafici vicini alla tradizione africana, a materie riconducibili alle realtà appenniniche italiane come la lana grezza. Difatti, le opere si nutrono della convivenza di più soluzioni quali il disegno, la fotografia, il ricorso all'oggetto e alla lavorazione manuale. Proprio quest'ultimo aspetto, attribuisce alle realizzazioni in questione un certo grado d'opposizione rispetto ad alcune modalità operative contemporanee, sempre più tecnocratiche e immediate, incapaci di comprendere nelle loro procedure l'irreplicabilità. 

null
Virginia Ryan, I Will Shield You

In tanta libertà creativa e nella scelta delle strutture, si legge un pensiero quindi sul concetto di protezione e, di conseguenza, di paura. Una paura che – oggi in particolar modo – assume i tratti sociali della demagogia e del dispotismo, in un contesto mondiale omologante che difficilmente sembra capace di includere alterità. Le opere, singolarmente o in gruppo, costringono il fruitore al loro riconoscimento tramite la loro verticalità e il relativo ingombro fisico, impostando un doppio livello di lettura: il primo più d'impatto e d'insieme, il secondo invece concentrato sui particolari molteplici. Proprio nel manifesto eclettismo stilistico e nella varietà dei riferimenti rilevabili in questa famiglia di opere, trapela un particolare senso di permeabilità culturale, contaminazione artistica e diversione intellettuale. Invero, ogni manufatto è ricoperto da un'oggettistica plurale che sulle superfici degli scudi si sovrappone al punto di confondersi fino a celarsi, dove ogni unità è correlata all'altra grazie all'uso del filo che, cucito a mano, trattiene fra le sue fibre il peso, soprattutto semantico, di cui ogni elemento è portatore. Medesimo principio accompagna l'esecuzione e l'interpretazione di The ties that bind us, dei Collages dove, assemblate su tavola, troviamo la stratificazione di un grande numero di fotografie, fotografie dipinte, piccoli specchi e tessuto; anche qui del filo interconnette vicendevolmente ciascuna costituente. 
Ogni componente e/o oggetto, sia in queste ultime operazioni che negli scudi, trova nella complessità dell'opera la propria carica estetica, oltrepassando la dimensione di semplice bene materiale per qualificarsi al pari di reperti e residui esistenziali; frantumi di esperienze. A ricucire infine questi frammenti, nonché a unificare il percorso della mostra, Virginia Ryan interviene nuovamente con il filo, come a tracciare un corrispettivo tangibile di un'aspirazione ideale che mira a creare reciprocità fra quelle forze silenziose e infrasottili che a volte ci dividono e altre ci uniscono.    

Davide Silvioli

Dal 21 luglio al 1 settembre 2018
Virginia Ryan, I Will Shield You 
Castello di Postignano, Sellano (PG)



 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Davide Silvioli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram