Fino al 2.IX.2018 - Pietro Lista, Un Teatro Povero - Palazzo Pinto, Salerno 3102 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/03/2019
Bolzano29 è il nuovo spazio di Milano dove far circolare idee
25/03/2019
Una nuova identità per l'ex Manifattura Tabacchi di Cagliari. 5mila euro al vincitore
23/03/2019
Un nuovo investitore per Wopart. Alberto Rusconi punta sulla fiera di Lugano
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 2.IX.2018
Pietro Lista, Un Teatro Povero
Palazzo Pinto, Salerno

   
  Sandro Bongiani 
 
Fino al 2.IX.2018 - Pietro Lista, Un Teatro Povero - Palazzo Pinto, Salerno
pubblicato

Nelle sale della Pinacoteca Provinciale di Salerno, Pietro Lista mette in scena un corpo a corpo con le opere del XV al XVIII Secolo, a contatto con le tavole di Andrea Sabatini, del Maestro della Incoronazione di Eboli, di Giovanni Battista Caracciolo e di Francesco Solimena. Artista imprevedibile e trasversale ai generi e ai movimenti artistici, individualista, curioso alle suggestioni, libero da vincoli, per niente votato alla monotonia e alla ripetizione, Lista è interessato da sempre alla sperimentazione di tecniche e materiali, tra pittura, scultura e teatro. In mostra, tra passato e presente, opere create nei primi anni settanta/ottanta, di ascendenza Povera, assai poco noti, assieme a dodici lavori più recenti. Una particolare e continua ricerca sotto il segno dell’Arte Povera che sintetizzano appieno la ricerca poetica di questo interessante artista salernitano. L’avventura dell’Arte Povera inizia casualmente con la partecipazione nel 1968 alla Rassegna "Arte Povera più Azioni povere”, curata da Germano Celant negli Antichi Arsenali ad Amalfi, in cui presenta un primo esperimento di teatro povero, un’operazione notturna dal titolo "Luce nella sabbia”, una luce nascosta e velata sotto la sabbia che si tramuta in traccia e apparizione misteriosa. Un teatro dell’immaginazione e dell’assurdo rilevato per frammenti e lacerti simbolici, raccontato con materiali volutamente poveri e minimi, con una realtà che converge e declina sotto il segno dell’imprevedibile e dell’insolito.  

null
Pietro Lista, Un Teatro Povero

Sono presenti in mostra le Gabbie, con trame di corda annodate a mano che custodiscono arcane presenze, come il frac di pelle nera che a vederlo a distanza sembra un grosso animale acquatico appeso a essiccare. Le reti nascono dall’osservazione curiosa dei pescatori di Cetara intendi a riannodare con piccoli gesti le maglie strappate, come una lenta litania soffusa di silenzio che accoglie le speranze e i tormenti, le idee e i pensieri prima di divenire anche materia reale. Le gabbie e le reti ci raccontano di impedimenti e, al contempo, di possibili attraversamenti di un limite, di ostacoli e anche di un possibile andare in un altrove praticabile. La rete cattura un vuoto per diventare gabbia e ambiente sotto il segno del teatro e dell’evento partecipativo. Reti come trappole per catturare la luce e i frammenti di qualche velata intuizione che possa definirsi in presenza e materia concreta. Una realtà del tutto povera, costruita e presentata con oggetti e materiali umili ma ambientata in una dimensione carica di allusioni. Scrive Luca Palermo nella presentazione: «immersi come sono nell’attualità del presente, i suoi oggetti sfuggono ad ogni intento commemorativo o autocelebrativo per calarsi nella sfera del reale e dell’essere al mondo». Pietro Lista non cerca, ricerca, scava e nel contempo mette in forma la provocazione con una semplicità che si materializza nel teatro e nel silenzio della luce. Costringe lo spettatore a chiedersi cosa resta dell’essere al mondo, della sua precaria esistenza. Ne vengono fuori misteri e presenze oscure che attendono di essere compresi. Tutto l’immaginario di Lista si ossigena di accostamenti apparentemente casuali e procede per rilevamenti sintetici, annotando frammenti provvisori di cose e apparizioni che diventano presagi e svelamenti raccordati nella riflessione per essere letti. 
Del tutto recente è l’ultimo lavoro con un Pinocchio di legno nero seduto accanto al teschio di Geppetto. Quali misteri potrà celare? L’oggetto povero elevato a rango di arte, con un significato decisamente simbolico, diviene l’emblema reale della solitudine e metafora di ciò ch’è rimasto dell’uomo.   

Sandro Bongiani 
mostra visitata il 6 luglio 

Dal 6 luglio al 2 settembre 2018 
Pietro Lista, Un Teatro Povero
Pinacoteca Provinciale, Palazzo Pinto 
Via Dei Mercanti, 63 – 84121, Salerno
Orari: dal martedì alla domenica, dalle 9 alle 19,45
Info: 0892583073 - pinacoteca@provinciasalerno.com 

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Sandro Bongiani
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram