Basta petrolio nei musei. - O quasi 3151 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Basta petrolio nei musei.
O quasi

   
   
 
Basta petrolio nei musei. - O quasi -
pubblicato

Dopo 18 anni di "comunione” questo mese si conclude la sponsorizzazione della Shell con il Van Gogh Museum di Amsterdam. Ma il museo olandese non è l’unico a chiudere il contratto con la casa petrolifera: anche il Mauritshuis all'Aia ha deciso di smettere di collaborare con la stessa compagnia: "decisione reciproca", stando ai comunicati ufficiali. 
Axel Rüger, il direttore del Van Gogh, ha espresso gratitudine a Shell per "una collaborazione estremamente gratificante".
I collegamenti del Mauritshuis e del Van Gogh Museum con Shell sono stati spesso attaccati dagli attivisti di attivisti Fossil Free Culture group, che ha anche inscenato proteste. La sua portavoce afferma che "Piacerebbe pensare che i musei abbiano preso decisioni etiche".
Dopo la "rinuncia” della Tate alle sovvenzioni targate BP – dal 2016 – forse qualcosa si muove. Anche se Oltremanica sia il British che la National Portrait Gallery continuando il loro rapporto con la compagnia inglese. 


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram