Basta petrolio nei musei. - O quasi 3091 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
21/02/2019
Il Museo dell’Hermitage di San Pietroburgo è stato evacuato per una presunta bomba
21/02/2019
Massimiliano e Doriana Fuksas progetteranno il nuovo porto del Principato di Monaco
21/02/2019
Il MIBAC si impegna per 3600 nuove assunzioni nel triennio. A breve bando per 1500
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Basta petrolio nei musei.
O quasi

   
   
 
Basta petrolio nei musei. - O quasi -
pubblicato

Dopo 18 anni di "comunione” questo mese si conclude la sponsorizzazione della Shell con il Van Gogh Museum di Amsterdam. Ma il museo olandese non è l’unico a chiudere il contratto con la casa petrolifera: anche il Mauritshuis all'Aia ha deciso di smettere di collaborare con la stessa compagnia: "decisione reciproca", stando ai comunicati ufficiali. 
Axel Rüger, il direttore del Van Gogh, ha espresso gratitudine a Shell per "una collaborazione estremamente gratificante".
I collegamenti del Mauritshuis e del Van Gogh Museum con Shell sono stati spesso attaccati dagli attivisti di attivisti Fossil Free Culture group, che ha anche inscenato proteste. La sua portavoce afferma che "Piacerebbe pensare che i musei abbiano preso decisioni etiche".
Dopo la "rinuncia” della Tate alle sovvenzioni targate BP – dal 2016 – forse qualcosa si muove. Anche se Oltremanica sia il British che la National Portrait Gallery continuando il loro rapporto con la compagnia inglese. 


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram