Fino al 24.IX.2018 - John Bock, The Next Quasi-Complex - Fondazione Prada, Milano 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 24.IX.2018
John Bock, The Next Quasi-Complex
Fondazione Prada, Milano

   
  jacqueline ceresoli 
 
Fino al 24.IX.2018 - John Bock, The Next Quasi-Complex - Fondazione Prada, Milano
pubblicato

Il maturo enfant terrible, Jhon Bock, artista poliedrico, indefinibile, dal ciuffo ribelle anni ’80, di oltre cinquant’anni (Gribbohm, 1965), sarcastico Peter Pan degli orrori che vive e lavora a Berlino ha compiuto studi in economia a Monaco, vagamente somigliante al regista di Twin Peaks David Lynch
per l’algido  salone vetrato del Podium della Fondazione Prada a Milano, ha ideato location disturbanti, dove presenta il peggio di se stesso con apparente casualità.
La mostra intitolata "The Next Quasi-complez” corrisponde a un progetto espositivo site specific iperbolico e paradossale ideato dall’artista tedesco, come un villaggio globale, patafisico di non –sense, in cui l’assurdo è di scena. Si vetrinizzano nel Podium ambienti caotici e caleidoscopici post -dada, però meno barocchi del solito, costituiti da oggetti di scarto, vestiti vecchi, quali scarpe, rifiuti simili a nature morte, macerie di chissà quale accampamento abusivo di zingari sgomberato di recente, materiali diversi trovati qua e là nei mercati dell’usato o chissà in quale discarica, ricostruiscono interni domestici inquietanti in cui da un momento all’altro potrebbero accadere anche omicidi efferati.  Incuriosisce una volvo inscatolata nel legno, simile a un palcoscenico costituto da assemblaggi scenici pronti per essere trasformati dall’artista-istrione in una scenografia inusuale, mobile tirato da stracci, intitolata When I’am Looking into the Goat Chese Basier (2001), opera acquistata dalla Fondazione Prada, dove tutto può accadere soprattutto domani, 8 settembre dalle 18:30, quando il catafalco si muoverà nell’ambito di una performance. Occhio alle sue performance chiamate dall’artista "lectures”, ovvero parodie di presentazioni accademiche con materiali di scarto travati e assemblati per scrivere nuovi racconti di ordinaria follia in chiave farsesca.  Strutturano lo spazio come quinte architettoniche le coperte appese, tende o tunnel, pergolati di calze di nylon usate e altre opere dal titolo assurdo. Di nuovo c’è che Bock, da Prada, si relaziona con lo spazio, mostra "architetture visionarie” creando cortocircuiti visivi, cognitivi ed estetici in bilico tra costruzione e decostruzione: un modus operandi volutamente contraddittorio che rispecchia il caos delle mattanze contemporanee. 

null
John Bock: The Next Quasi-Complex Foto Jacopo Farina 18 luglio – 24 settembre 2018 Fondazione Prada Milano

I suoi allestimenti affollati da brivido, baracconate di oggetti che destabilizzano il visitatore, inscenano un immaginifico, paranoico inferno di storie tristi, dagli effetti splatter, frustrazioni, incubi vari. Tra un’opera e l’altra si incastrano video eccellenti dell’artista tedesco dal curriculum invidiabile: due Biennali di Venezia, diverse personali alla Fondazione Giò Marconi a Milano, alla Fondazione Trussardi, Documenta, Barbican a Londra, Guggenheim di New York, mostre collettive in altri musei prestigiosi, inoltre  Bock vanta  numerose collaborazioni dalla moda al cinema, fino all’ideazione dei costumi per l’opera " Le grand macabre” di Ligeti del 2013, criticati  dagli attori. Tra le installazioni che non si dimenticano, c’è la stanza del delitto Lutte mit Rucola (2006), della Collezione Prada, ispirata all’omonimo film in cui l’artista recita il ruolo del pazzo criminale che fa a brandelli la sua vittima ancora viva. In questo ’ ambiente di tortura, arredato con letto, seghe e coltelli con le pareti imbrattate di sangue, dove sembra essere passato il demonio, preceduta da un video, in cui si vede Bock accanirsi contro un pupazzo e si scorge anche la figlia, "allegramente " incastonata in questo set diabolico.
Un'altra stanza ospita un’istallazione realizzata con due vetrine che mostrano al tempo stesso il loro contenuto davvero straniante e surreale. La mostra è concepita come un set  di turbe  mentali, sur- visioni, connessioni  e parodie di ossessioni contemporanee, disturbanti , tra caos, sarcasmo e ironia. 

Jacqueline Ceresoli
Mostra visitata il 17 luglio

Dal 18 luglio al 24 settembre 2018
John Bock The Next Quasi-Complex 
Fondazione Prada, Largo Isarco 2, Milano
Orari: lunedì / mercoledì / giovedì, 10 - 19 venerdì / sabato / domenica, 10 - 21 
Info: www.fondazioneprada.org  press@fondazioneprada.org 

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di jacqueline ceresoli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram