Donne che hanno cambiato il mondo, in un locale milanese di ramen 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/03/2019
Bolzano29 è il nuovo spazio di Milano dove far circolare idee
25/03/2019
Una nuova identità per l'ex Manifattura Tabacchi di Cagliari. 5mila euro al vincitore
23/03/2019
Un nuovo investitore per Wopart. Alberto Rusconi punta sulla fiera di Lugano
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Donne che hanno cambiato il mondo, in un locale milanese di ramen

   
   
 
Donne che hanno cambiato il mondo, in un locale milanese di ramen
pubblicato

Il ramen, per chi non lo conoscesse, è un tipico piatto della tradizione giapponese. Si tratta di un brodo di miso, o shoyou, con spaghetti (noodles) e nella versione tradizionale mezzo uovo sodo, funghi, alghe wakame. Una delizia che, sempre da tradizione, va consumata bollente e in un tempo rapido, con il tipico "sorbire” dalla ciotola. Ancora, uso vuole che il ramen sia un piatto a esclusivo appannaggio maschile. Ma si sa, noi viviamo in Italia, siamo nel 2018 e a Milano ed è logico che le carte possano essere sparigliate!
E così, da Zazà Ramen, nella centralissima via Solferino, capita che da alcuni anni il proprietario del locale, l’olandese Brendan Becht, abbia deciso di dare un volto a questo ristorante molto specializzato – 50 posti a sedere, con un interrato che ha alle pareti 3 disegni site specific di David Tremlett – attraverso l’arte. Non piccole mostre ma progetti on the wall, che durano 6 mesi e poi vengono ricoperti da vernice bianca. 
Stavolta, però, attaccati alle pareti ci sono 6 "manifesti” firmati da Jann Haworth, artista statunitense di Salt Lake City, che dal 2016 raccolgono i volti delle donne che hanno contribuito a cambiare il mondo. Da Michelle Obama a Tracy Chapman, da Yayoi Kusama a Coco Chanel e Naomi Klein, un work in progress, pensato con Liberty Blake, le eroine ritratte finora sono 250, su 15 larghi pannelli, seguendo il riconoscibile stile di Sgt. Pepper’s, dalla cover dell’album dei Beatles che Haworth realizzò nel 1967. Un incontro iconico, che cresce a ogni passaggio con le nuove segnalazioni sulle figure femminili che hanno cambiato arti, scienze e società, e che stavolta alza la testa sopra il nipponismo più machista. Che ramen sia allora, anche per il "gentil sesso”.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram