La lunga memoria della mafia. Dopo Palermo, l’archivio di Eva Frapiccini arriva a Bruxelles 3082 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/11/2018
Addio a Eimuntas Nekrosiu, maestro di teatro dalla visione innovativa e potente
20/11/2018
Tutto pronto per la settima edizione del Premio Fabbri. Sabato i vincitori
20/11/2018
Una grande mostra dedicata a Frida Kahlo inaugurerà al Brooklyn Museum di New York
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

La lunga memoria della mafia. Dopo Palermo, l’archivio di Eva Frapiccini arriva a Bruxelles

   
   
 
La lunga memoria della mafia. Dopo Palermo, l’archivio di Eva Frapiccini arriva a Bruxelles
pubblicato

Può un archivio spostarsi? Cambiare forma e adattarsi agli spazi che attraversa? Sì, se la storia che racconta è viva, urgente, disponibile a lasciarsi ascoltare da pubblici distanti, da esperienze magari anche radicalmente diverse. E le voci che provengono da Il Pensiero che non diventa Azione avvelena l’Anima sono quanto mai attuali, perché provengono da una approfondita ricerca sul doloroso e lunghissimo strascico lasciato da quel dramma che, per l’Italia e non solo, è stata la mafia. Una indagine a ritroso tra le persone e i luoghi che Eva Frapiccini svolge dal 2014, tra documenti scritti e testimonianze orali, fotografie, appunti, note, oltre che tra suggestioni e intuizioni, tutti compresi in una struttura coerente e consultabile, perché si tratta di dare una forma, una estetica alla memoria. Ricordi drammatici, reperiti da persone, biblioteche e scuole, per i quali la rimozione è una tentazione tanto forte quanto mistificatrice. 
«Mi interessa il funzionamento della memoria in generale, e uso la mia vita artistica e personale per capirlo, perché io stessa ho scarsa memoria, del mio vissuto, e del mondo. Ed è anche per questo che indago fatti e storie del passato, per colmare la distanza tra la mia vita e il mondo che mi circonda, nei suoi aspetti visibili o invisibili», ci diceva l’artista che, con questo suo progetto, ha vinto la prima edizione del bando Italian Council, nel 2017, promosso dalla DGAAP-Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane. 
La prima esposizione al Tribunale di Palermo, nell’ambito di un progetto espositivo sul tema della legalità, a cura di Connecting Cultures, Isole e Caterina Niccolai e a cura di Anna Detheridge. E adesso una nuova tappa, all’ Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles, dove l’archivio-installazione sarà consultabile fino al 22 novembre. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram