Moda 3079 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Moda

   
 "Rebelle pour la vie". Intervista a Vittorio Valigi, creatore del giovane brand made in Italy
di Nicoletta Graziano
 nicoletta graziano 
 
Moda
pubblicato

Qual è stato il tuo percorso di formazione prima di lanciare il brand? 
«Non ho avuto un processo di formazione vero e proprio, il progetto è nato quando ancora frequentavo l’ultimo anno di liceo classico. Ho avuto modo di approfondire e ampliare i miei orizzonti successivamente quando sono arrivato a Milano 3 anni fa. Perugia, la mia città di origine, mi ha dato tanto ma mi ha fatto capire che il mio universo non era compatibile con gli interessi e le attitudini della maggior parte della gente. Isolandomi e perseguendo le mie passioni, lavorando e conoscendo persone che parlavano il mio stesso linguaggio e mostravano una particolare sensibilità per l’arte, la moda e la musica sono riuscito ad avere pareri e consigli diversi che mi hanno aiutato a definire il mio percorso».

null
Fotografia: Dave Masotti / Styling: Marco Flaminio

Come nasce REBELLE POUR LA VIE?
«REBELLE POUR LA VIE (tradotto "ribelle per la vita”) è un progetto che ho sempre paragonato ad un piccolo fiore che nasce tra le ceneri. Parlando banalmente di mitologia, è la mia piccola fenice. Ho iniziato questo progetto nel 2014, un anno dopo che mi è stato diagnosticato un’osteosarcoma, un tumore maligno che ha colpito le ossa. Durante l’anno di malattia, quando mi sembrava che tutto intorno a me fosse solo cenere, ho capito che avrei potuto incanalare tutto il mio dolore in qualcosa che avrebbe potuto esprimere artisticamente quello che vedevo e provavo ogni giorno. Per poi finalmente rinascere e ribellarmi alla malattia».
Parlami del tuo processo creativo. Da dove trai ispirazione per le tue collezioni? 
«Il mio processo creativo è molto caotico e non sempre seguo lo stesso modus operandi. Prendo ispirazione da qualsiasi cosa, leggo tanto, mi informo su attualità e nuove tecnologie, guardo molti film e seguo costantemente il mondo dell’arte. Credo fortemente che alla base di qualsiasi processo creativo debba esserci una solida base culturale. Quando sono in giro invece analizzo e osservo con attenzione tutto quello che mi circonda, sopratutto le persone».

null
Fotografia: Dave Masotti / Styling: Marco Flaminio

Cosa significa essere un giovane stilista oggi?
«Non sento di meritarmi l’appellativo di stilista, sono solo un individuo che ha la propria visione del mondo e che necessita intensamente di tradurla in qualcosa che la possa rappresentare coerentemente. Oggi, essere una persona che pensa in questo modo è difficile perché spesso chi pensa con la testa propria e ha delle idee è facilmente attaccabile. Trovare delle persone disposte a credere in te quando sei agli inizi è raro. Per questo bisogna continuare a perseverare ancora di più nei propri progetti, aprendo la mente, ascoltando chi merita di essere ascoltato e imparando da qualsiasi situazione, bella o brutta che sia».
Ci puoi anticipare qualche progetto futuro a cui stai lavorando?
«Al momento sto trattando diversi progetti, personali e non, sono quasi tutti in fase embrionale e preferirei non anticipare nulla. L’unica cosa che posso dire è che mi sto documentando molto su arte contemporanea e musica».
Nicoletta Graziano

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di nicoletta graziano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram