Finissage - Antonio Sannino, Only Love - Fondazione Stelline, Milano 3058 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
10/12/2018
Judy Chicago e Max Mara insieme, per una t-shirt a edizione limitata
10/12/2018
Babbo Natale in manette e Banksy non autorizzato. Due murales di TvBoy compaiono al MUDEC
10/12/2018
Il Premio Fabbri si apre alla fotografia. Ecco i vincitori della sesta edizione
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Finissage
Antonio Sannino, Only Love
Fondazione Stelline, Milano

   
  Lucrezia Boso 
 
Finissage - Antonio Sannino, Only Love - Fondazione Stelline, Milano
pubblicato

Nella sua essenzialità segnica Broadway Boogie-Woogie di Piet Mondrian è una delle opere che meglio cattura l’inconfondibile spirito di New York. I giochi di luce, l’iridescenza, il movimento senza sosta della metropoli diventano i cardini anche dei dipinti di Antonio Sannino, artista che con "Only Love" restituisce il suo "amorevole sguardo” – per dirla con le parole del curatore Angelo Crespi – sulla città americana. La mostra, visitabile fino al 18 novembre presso la Fondazione Stelline (in Corso Magenta 61), è un tripudio di vitalità, luci e colori in cui è piacevole perdersi.
Il percorso espositivo suggerisce un climax ascendente. Per quanto riguarda il supporto pittorico si passa infatti da più "tradizionali” tele a lastre di alluminio; più precisamente – e già in questo si rivela l’originalità dell’artista –, si passa dall’utilizzo di una tela ricoperta da carta Fabriano 300 gr, che assorbe l’olio dei colori in fretta e lascia in superficie i pigmenti, all’utilizzo della resina epossidica, che vetrifica i colori a olio. L’esito è una rifrazione della luce molto diversa, che nel secondo caso arriva a rendere i dipinti incredibilmente vibranti e cangianti. 

null
Only Love #002 150x185 cm

Il soggetto delle opere di "Only Love" è invece costante e (fatta eccezione per un paio di lavori) è rappresentato da scorci di New York e in particolare di Manhattan. Gli "urbanscapes” non sono un tema nuovo per Antonio Sannino che già da Undressed (2012) e da Shining (2016-2017) aveva fatto del paesaggio urbano il centro della sua indagine. La città – soprattutto New York – viene rappresentata nel suo dinamismo e nella sua vivacità, con modalità che richiamano per certi versi quelle dei futuristi, Umberto Boccioni in primis. Tutt’altro che riproduzione impersonale, la metropoli diventa quasi escamotage per trasmettere la visione e la sensibilità dell’artista: le vie di Manhattan sono allo stesso tempo luoghi reali e immaginari, trasposizioni del mondo interiore del pittore. Così "Only Love" – che non è solo il titolo della mostra, ma anche scritta ricorrente nelle opere – rappresenta una vera e propria indicazione e chiave di lettura, ovvero filtro e sguardo attraverso cui siamo chiamati a cogliere il lavoro di Sannino. Le particolari vedute newyorkesi diventano metafora ed espressione di quell’amore per la vita che caratterizza la personalità dell’artista stesso.
Piuttosto che le forme o i tratti segnici, sembrano quindi essere i colori e la luce i veri protagonisti dei dipinti di Sannino. Soprattutto nelle ultime opere, quelle su lastre di alluminio, si potrebbe persino cogliere una spinta ad abbandonare sempre più la figurazione per lasciare spazio al puro colore – con effetti che ricordano, in qualche modo, le opere astratte di Gerhard Richter. Possibile evoluzione del percorso di un artista di formazione classica sempre capace di reinventarsi?

Lucrezia Boso
mostra visitata il 24 ottobre 2018

Antonio Sannino, ONLY LOVE
Fondazione Stelline
Corso Magenta, 61 - Milano
Orari: da martedì a domenica dalle 10:00 alle 20:00
Info: www.stelline.it

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Lucrezia Boso
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico