La “nuova” ala del Met 3124 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/12/2018
La consacrazione dei manga, in una grande mostra al British Museum
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

La “nuova” ala del Met

   
   
 
La “nuova” ala del Met
pubblicato

Il Metropolitan Museum of Art di New York ha selezionato l'architetto thailandese Kulapat Yantrasast per il restauro dell’ala dedicata alle arti dell’Africa, Oceania e Americhe.
L’operazione, che costerà 70 milioni di dollari, investirà la Micheal C. Rockefeller Wing, sul lato sud del museo della Fifth Avenue. L'obiettivo è quello di mostrare meglio la collezione di arte e manufatti creati nell'Africa sub-sahariana, nelle isole del Pacifico e nel Nord, Centro e Sud America.
Max Hollein, direttore del museo, ha riporato: "Questa importante reinstallazione di una parte fondamentale della nostra collezione, con lo straordinario design di Kulapat Yantrasast, saranno la dimostrazione della nostra capacità di promuovere ulteriormente la comprensione, l'apprezzamento e la contestualizzazione delle culture più significative del mondo”.
Composta da 11mila opere in varie tecniche e risalenti fino al 3000 AC, la collezione fu iniziata nel 1893, quando il Met fu dotato della prima scultura in pietra messicana e di una serie di ceramiche peruviane.
Il dipartimento, però, fu realmente concretizzato nel 1969, dopo che il filantropo e l'ex vice presidente degli Stati Uniti Nelson Aldrich Rockefeller donarono la loro collezione.
Le gallerie - attualmente organizzate geograficamente - saranno reimmaginate sull’immagine dei tratti architettonici delle regioni, basandosi "sull'importanza del reframing di ciascuna delle regioni specifiche del mondo rappresentate", hanno affermato dallo studio.
La ristrutturazione della Rockefeller Wing inizierà alla fine del 2020, con il completamento previsto per l'anno successivo. Il progetto fa parte di piani di miglioramento di tutto il museo.

Fonte: Dezeen


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram