Riccardo Guarneri, non solo Biennale 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Riccardo Guarneri, non solo Biennale

   
 Oltrearte Associazione Culturale inaugura oggi a Conegliano, negli spazi di Palazzo Sarcinelli, la personale di Riccardo Guarneri dal titolo “Variazioni del sentire”

  
 
Riccardo Guarneri, non solo Biennale
pubblicato

Insieme a opere recenti e storiche di Riccardo Guarneri (Firenze, 1933), saranno presenti quelle da lui esposte alla 57° Biennale di Venezia 2017 Viva Arte Viva, curata da Christine Macel, dove l’artista toscano era presente con una sala personale (uno dei 5 artisti italiani invitati), a distanza di cinquant’anni dalla prima esposizione alla Biennale.
Guarneri si è imposto sia come figura indipendente, sia come precursore delle tendenze pittoriche astratte degli anni ’70, in particolare della corrente artistica definita Pittura Analitica o Pittura Pittura, dove si è distinto per il suo linguaggio analitico, ma al tempo stesso lirico, sperimentando senza sosta la sua particolare ricerca tra segno, colore e luce.
Le opere esposte da oggi a Conegliano, prevalentemente dell’ultimo decennio, testimoniano la straordinaria coerenza di ricerca di questo artista attraverso decenni di pratica pittorica tra continue e infinite varianti intorno a un tema centrale.
«Tra le tecniche che nutrono l’immaginazione di Guarneri, – scrive Claudio Cerritelli – l’acquerello ricopre un ruolo privilegiato, capace di sollecitare l’incanto dello stupore originario, il respiro interno del colore, il sogno di una luce purissima dove lo sguardo sembra perdersi nel nulla, nella sostanza stessa dell’aria. Il tempo d’esecuzione che l’acquerello comporta non ha confronti, è implacabile nel suo modo di captare l’istante della visione, non ammette pentimenti e correzioni, le macchie possono agire solitarie ma perlopiù si sovrappongono una sull’altra con tonalità leggerissime. La stesura veloce del colore ha già in se stessa una nozione di tempo irreversibile legato all’esigenza di fermare l’immagine nel punto giusto, prima che possa scivolare via, diventare altro, allontanarsi dalla verità del suo istantaneo vibrare, spazio-tempo come valori inscindibili, strutture profonde dell’essere».

In alto e in home: Riccardo Guarneri nel suo studio a Firenze

INFO
Opening: ore 17
Riccardo Guarneri. "Variazioni del sentire”
dal 24 novembre al 30 dicembre 2018
Palazzo Sarcinelli 
via XX settembre, Conegliano
orari: giovedì-venerdì 10.00-12.30/15.30-19.00; sabato-domenica 10.00-12.30/14.30-19.00

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram