A Firenze, un arcobaleno di donne che non ti aspetti 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/01/2019
David Bowie è stato nominato dal pubblico del Regno Unito il più grande entertainer del XX secolo
19/01/2019
L’Urlo di Munch in bianco e nero, arriva a Londra
18/01/2019
Daniel Pennac non è gradito a Empoli: polemica per l'invito dello scrittore francese che difese Cesare Battisti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

A Firenze, un arcobaleno di donne che non ti aspetti

   
   
 
A Firenze, un arcobaleno di donne che non ti aspetti
pubblicato

Grazie alla Fondazione Advancing Women Artists (AWA) e alla sua pionieristica fondatrice Jane Fortune, recentemente scomparsa, è stato creato un’archivio online in cui sono presenti opere di più di seicento artiste donne. Opere riscoperte in magazzini, chiese e musei del capoluogo fiorentino, città in cui la Fondazione ha sede, ritrovano luce e si riprendono giustamente la visibilità che gli spetta. Non solo dipinti, ma anche sculture, stampe e disegni, datati dal XV al XIX secolo, saranno a disposizione gratuitamente, mantenendo cosi fede alla linea di principio no profit dell’organizzazione americana. Il progetto vuole inoltre veicolare come nei secoli la produzione artistica femminile sia stata spesso, e forse troppo, svilita e dimenticata, nonostante la qualità tecnica fosse la medesima di quella dell’altro sesso, invece sempre celebrato a priori. La maggior parte delle artiste, europee e non solo, presenti nel database, erano autodidatte poiché a molte era vietato prendere lezioni per motivi di genere o di "occupazioni” femminili, quali la maternità. Discriminazioni che in Italia non dovrebbero passare inosservate, in un momento in cui si mette in discussione il diritto all’aborto. La "sorellanza” che si respira dentro e fuori questo progetto è rafforzata ulteriormente dal team di donne che ci lavorano: restauratrici provenienti da tutte le parti del mondo, riunite a Firenze per dare voce a chi non ne aveva. Questa importante iniziativa e tutto ciò che ne può derivare, farà sentire finalmente un pò meno sola Artemisia Gentileschi! (Adele Menna)

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram