I pugili alle pareti, in Palestra Visconti a Milano. Con la benedizione di Arthur Cravan 3130 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci vince l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
13/12/2018
Milano da bere? No, “Milano da Vinci”. Apre il concorso dedicato alla città di Leonardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

I pugili alle pareti, in Palestra Visconti a Milano. Con la benedizione di Arthur Cravan

   
   
 
I pugili alle pareti, in Palestra Visconti a Milano. Con la benedizione di Arthur Cravan
pubblicato

Circolo Arci Bellezza, Palestra Visconti. Un luogo storico, uno di quei "posti del cuore” come in realtà – nella Milano che continua a salire – se ne incontrano ancora, per fortuna, diversi, spesso raccolti in cortili, con vecchi bar e vecchi neon, e muri un po’ scrostati. Alla Palestra Visconti fu proprio Luchino Visconti a girare molti interni di Rocco e i suoi fratelli, e scendendo le scale al 16A di via Bellezza sembra quasi ancora possibile ritrovarsi negli anni ’50, tra il piccolo palco dove ieri sera si è esibito al piano il grande Patrizio Fariselli (negli AREA alle tastiere) e le casse da usare come tavolo. L’occasione che ci porta qui? Una mostra intitolata VS. CRAVAN, dedicata ovviamente al pugilato, dove alle pareti si sfidano a guantoni le opere Petr Bystrov, Gianluigi Colin, Franko B, Cesare Fullone, Antonio Marras, Paul Pfeiffer, Riiko Sakkinen, Giovanni Testori e Maria Cristina Vimercati, tra gli altri, fino al prossimo 6 dicembre. 
A cura di Elisabetta Longari, la serata – e la mostra – è stata "innescata” dalla performance-incontro di Andrea Contin VERSUS (eseguita qui da tre ragazzi – un uomo e due donne della Boxe Popolare - dopo essere stata presentata nel 2002 alla galleria Artericambi di Verona, che oggi mette a disposizione il ring, a Losanna nel 2003 e alla Factory Art di Berlino nel 2012) che si è posta in dialogo non solo con le opere appese ma anche con la ricostruzione parziale della performance che il 5 ottobre del 2005 Ivo Bonacorsi dedicò ad Arthur Cravan, l’artista più dadaista del Dada, pacifista e personaggio mitico della più bollente avanguardia del secolo scorso. Una mostra che "testimonia il nesso profondo tra boxe, arte e vita”, accompagnata da un catalogo sottoforma di una fanzine ciclostilata e autoprodotta, che contiene documenti di diverso tipo: ristampe di foto antiche, testi del passato e appunti di lavoro degli artisti coinvolti, oltre alle riproduzioni delle opere esposte senza andare troppo per il sottile, in bianco e nero. E con una dedica speciale a Stefano Cucchi, che amava la boxe.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram