Addio a Ennio Fantastichini. Volto del grande e piccolo schermo, con la passione per il te... 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Addio a Ennio Fantastichini. Volto del grande e piccolo schermo, con la passione per il teatro

   
   
 
Addio a Ennio Fantastichini. Volto del grande e piccolo schermo, con la passione per il teatro
pubblicato

È morto all’Ospedale Federico II di Napoli, a 63 anni, Ennio Fantastichini. Ricoverato da quindici giorni in rianimazione l’attore è stato stroncato da una grave emorragia cerebrale, conseguenza di una leucemia acuta promielocitica. Nato a Gallese, in provincia di Viterbo, il 20 febbraio 1955, secondo figlio di un maresciallo dei carabinieri, sin da giovanissimo aveva seguito la sua passione per il teatro e iniziò a frequentare il corso di recitazione all’Accademia nazionale d’arte drammatica Silvio d’Amico. Conosciutissimo sul grande schermo e in tv, ha sempre continuato a recitare sul palco, anche per progetti innovativi, come la sua recente interpretazione di «Re Lear», diretto da Giorgio Barberio Corsetti al Teatro Argentina di Roma. Nella sua carriera ha lavorato con registi come Ferzan Özpetek, in Saturno contro e Mine vaganti, Paolo Virzì, in Ferie d’agosto, Peter Greenaway, in Ripopolare la reggia, Marco Risi in Fortapàsc. Una delle sue ultime apparizioni in televisione è per il biopic su Fabrizio De André della Rai.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram