Provocare la storia, per il presente. Raqs Media Collective curerà la Triennale di Yokohama 3084 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/05/2019
Storie di gioielli. Pompei e le Cicladi scoprono i loro tesori
21/05/2019
Mibac: c'è il via agli elenchi dei professionisti dei beni culturali
21/05/2019
Stanco e malinconico. Il secondo ritratto di Leonardo da Vinci in mostra a Buckingham Palace
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Provocare la storia, per il presente. Raqs Media Collective curerà la Triennale di Yokohama

   
   
 
Provocare la storia, per il presente. Raqs Media Collective curerà la Triennale di Yokohama
pubblicato

Sarà Raqs Media Collective il direttore artistico della Triennale di Yokohama del 2020, manifestazione che, fin dalla sua prima edizione, nel 2001, si è proposta come osservatorio privilegiato della scena artistica contemporanea giapponese, oltre che sua forza promotrice. Per la prossima edizione, che si terrà da luglio a ottobre del 2020, la scelta sembra essere quella di rivalutare le sue posizioni, a giudicare dalla scelta di unire le forze con il collettivo di base a Nuova Delhi, fondato nel 1992 e composto da Jeebesh Bagchi, Monica Narula e Shuddhabrata Sengupta. Individuato dal comitato degli organizzatori sulla base del loro approccio raffinato ma polemico, il collettivo è noto per il suo atteggiamento improntato alla curiosità e alla commistione tra i linguaggi, avendo lavorato spesso con architetti, informatici, scrittori, registi, per progetti artistici e curatoriali. Nell'are hanno già una certa esperienza, hanno curato la Biennale di Shanghai nel 2016 e più recentemente, nel 2018, in Europa, "In the Open or in Stealth”, mostra al MACBA-Museu d'Art Contemporani de Barcelona, incentrata sulle prospettive future del tessuto urbano, sociale e produttivo della città catalana, alla quale ha partecipato anche l’italiana Rosa Barba
Anche in questo caso, il taglio della Triennale sarà storiografico e critico, visto che Yokohama è stata tra i primi porti giapponesi ad aprirsi al mondo esterno, dopo quasi 200 anni di isolamento nazionale e, da quel momento, la città è rimasta tra le più aperte e avanzate dell’isola. Con tutte le contraddizioni del caso che, Raqs Media Collective vorrà mettere allo scoperto.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram