Il successo dei gioielli da Pandolfini 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/12/2018
La consacrazione dei manga, in una grande mostra al British Museum
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Il successo dei gioielli da Pandolfini

   
   
 
Il successo dei gioielli da Pandolfini
pubblicato

Pandolfini chiude Novembre in grande: le vendite record di gioielli e orologi hanno portato Pandolfini a chiudere il mese di novembre con oltre 6milioni e 200mila euro di venduto. Un risultato eccezionale al quale hanno concorso con ottime performance le vendite di Libri, Argenti, e Numismatica cui si aggiungono quelle di Dipinti Antichi e Dipinti del XIX secolo. 
La serata dedicata ai gioielli ha sorpreso tutti con l’aggiudicazione del Diamante TYPE IIa purezza IF di 14,67 carati che ha chiuso una competizione tra buyers collegati per telefono a 979mila euro. 
Il successo di questa pietra ha contribuito al grande successo di tutta la vendita che ha chiuso con oltre 3,2 milioni di euro di venduto, che equivale al 160 per cento delle stime ottenuto con il 73 per cento di lotti venduti. Pietro De Bernardi, amministratore delegato di Pandolfini ha dichiarato: "Questa vendita, che conclude un mese veramente eccezionale, ci ripaga degli investimenti operati in risorse umane e organizzative per il potenziamento del dipartimento. Una strategia che ha iniziato a dare frutti importanti come l’esito totale dell’asta di ieri nella quale, caso eclatante, è stata l’aggiudicazione del diamante Type IIa. La vendita della pietra, eccezionale per il mondo delle aste italiane, e di rilievo per quelle internazionali, conferma che Pandolfini, la più antica Casa d’Aste italiana, riveste un ruolo importante anche per i collezionisti e i buyers stranieri, infatti, il diamante è stato acquistato da un compratore collegato telefonicamente da Ginevra che ha dovuto contenderlo ad altri che chiamavano dall’Olanda, dall’Inghilterra, dagli USA, da Israele e dall’Italia.” 
Nella serata è stato battuto anche un anello che montava un rubino birmano ovale di 5.10 carati, circondato da una corona di diamanti per 5.50 carati che dai 60mila euro di partenza ha raggiunto la cifra di 283mila euro. 
La sezione dedicata agli Orologi ha sfiorato i 900mila euro di venduto e, come il precedente, è stato caratterizzato da un lotto superstar: il Cronografo Rolex Daytona Paul Newman del 1969, che dopo una serie di offerte ha chiuso ben oltre il doppio della stima fermandosi a 442mila euro. 

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram