Fino al 31.12.2018 - Inessa Emmer, Mein Welt - PRAC, Napoli 3058 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/01/2019
L’Africa di Sebastiao Salgado, in un caffe letterario di Reggio Emilia
23/01/2019
Aperto il nuovo bando di Italian Council. 621mila euro per l’arte contemporanea
22/01/2019
A Cremona il sindaco vieta i rumori. Via alle registrazioni del suono dei violini di Stradivari e del Guarneri
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 31.12.2018
Inessa Emmer, Mein Welt
PRAC, Napoli

   
  danilo russo 
 
Fino al 31.12.2018 - Inessa Emmer, Mein Welt - PRAC, Napoli
pubblicato

Il sogno e il sognare sono fondamentali per la vita umana e vale la pena di esaminare come, in quasi tutte le opere d' arte, un sogno sia stato colto o completato. L'impossibile è divenuto possibile: siamo faccia a faccia con ciò che è e, tuttavia, non c'è eppure è presente in noi nel modo più vivo. Fin dal 1900 ci è stato chiaro che noi sogniamo perché ne abbiamo bisogno. Non sogniamo a caso ma in modi dettati dalla nostra più intima natura. Interpretato correttamente, il sogno ci rivelerà proprio quell'intima natura.
Il sogno è immaginazione o, altrimenti, solo un giusto sfogo dell'immaginazione. Il senso di una vita pacata e sospesa è sempre stata presente nell'arte. Inessa Emmer (1986), presso gli spazi espositivi della Galleria P.R.A.C, con la mostra "Mein Welt”, a cura di Wilko Austermann, esplora un mondo onirico popolato da creature favolose, esseri fluttuanti nello spazio, oggetti decontestualizzati dai colori vivaci. Le sue immagini composite derivano da elementi identificabili nella sua stessa vita, anche se esse sono state risolte e ricombinate in modi per i quali l'espressione "somigliante al sogno” è appropriata come nessun' altra.

null
Ohne Titel, Holzschnitt auf Nessel, 200 x 120 cm, 2018

Dieci tele di grandi, medie e di piccole dimensioni, alcune di esse ispirate dai colori, dai paesaggi e dal sole di Napoli. L'artista ha guardato con intelligenza al passato, al surrealismo e all'uso dell'antica tecnica della xilografia. Queste influenze le sono servite a presentare le sue idee con coerenza misurata e con una logica che non è quella del mondo reale. Non ha aspettato passivamente il sogno per inserire soggetti nuovi ma con il dono della chiaroveggenza ha riapprezzato gli oggetti quotidiani (una papera di gomma, un lampadario o un salvagente) per liberare dal loro intimo un elemento misterioso che normalmente passa inosservato. Oggetti di uso quotidiano simbolizzano incontri improbabili in luoghi impropri, che possono giocare un ruolo veramente decisivo nella vita umana.

Danilo Russo
Mostra visitata il 13 ottobre 2018

Dal 13 ottobre al 31 dicembre 2018
Inessa Emmer, Mein Welt
PRAC, Galleria Piero Renna Arte Contemporanea
Nuova Pizzofalcone, 2 – 80134, Napoli 
Orari: dal lunedì al venerdì, dalle 17.00 alle 19.00 o su appuntamento
Info: prac@galleriarenna.com

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di danilo russo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram