Fino al 20.XII.2018 - Pop art in Italia. Ieri, oggi, domani - Galleria Paola Verrengia, ... 3064 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/01/2019
L’Africa di Sebastiao Salgado, in un caffe letterario di Reggio Emilia
23/01/2019
Aperto il nuovo bando di Italian Council. 621mila euro per l’arte contemporanea
22/01/2019
A Cremona il sindaco vieta i rumori. Via alle registrazioni del suono dei violini di Stradivari e del Guarneri
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 20.XII.2018
Pop art in Italia. Ieri, oggi, domani
Galleria Paola Verrengia, Salerno

   
  sandro bongiani 
 
Fino al 20.XII.2018 - Pop art in Italia. Ieri, oggi, domani  - Galleria Paola Verrengia, Salerno
pubblicato

La Pop art in Italia, declinata  per poetiche e generazioni diverse, sotto il segno della geografia, del passato,  del presente e forse del futuro. Lontana da ogni linea filologica e storica, la mostra intende fornire un momento di riflessione  dell’atmosfera  che ha generato la  nascita e alla diffusione di una "via italiana” alla Pop Art, in sintonia e al tempo stesso  linguisticamente autonoma rispetto ai modelli statunitensi ed europei del periodo.  Non omogenea e orientativamente legata a due nuclei operativi che hanno gravitato su Roma e Milano, da un lato l’arte della dolce vita e dall’altro quella di Milano meglio caratterizzata dal boom economico degli anni Sessanta. La Pop Art rinata dalle ceneri del dopoguerra e dell’Informale, ha saputo rilevare negli anni sessanta i segni di un reale cambiamento della società, ben evidenti nella Dolce vita di Federico Fellini, con il ritrovato benessere, le prime vacanze fuori porta, e le notti insonni a Via Veneto. L’Italia si ritrovava proiettata nel futuro. Alla fine degli anni Cinquanta, primo fra tutti,  sarà l’eccentrico Mario Schifano  a riflettere sui temi dello schermo e dell’oggettualità della pittura, ponendo le basi tra il 1960 e il 1966, per lo sviluppo della vera e propria stagione d’oro della Pop Art italiana, con una sorta  di stagione "neo-metafisica"  omaggerà in due serie pittoriche centrali nello sviluppo della sua ricerca persino Giacomo Balla e il Futurismo. Un momento di straordinario fermento artistico che  di fatto ha coinvolto  centri nevralgici come Milano, Roma, Torino, la Toscana  e poi, anche tutta l’intera penisola. Nel '61 l'artista romano verrà invitato dal gallerista Plinio de Martiis a esporre nella celebre galleria romana La Tartaruga, fino ad approdare tra il 1965 e il 1970 da Giorgio Marconi  a Milano a consolidare il riconoscimento ufficiale di tale lavoro.

null
Pop art in Italia. Ieri, oggi, domani, Mario Ceroli

In mostra sono presenti importanti artisti di quel momento magico dell’area romana come Mario Schifano,  Franco Angeli, Mario Ceroli, Tano Festa, Giosetta Fioroni, e quelli  dell’area milanese come Valerio Adami, Emilio Tadini, autori che hanno saputo trattare i temi del nuovo paesaggio visivo in un paese che andava aprendosi a nuovi stili di vita, artisti capaci di generare nuove immagini e raccontarci una nuova e felice stagione dell’arte, favorita dalla libertà di rivolgere l’attenzione agli oggetti, ai miti e ai riti contemporanei, ai linguaggi della società dei consumi e al loro culto, come è visibile nelle  silhouettes lignee di  Ceroli, i fumetti di  Adami, i racconti onirici di  Tadini, i paesaggi anemici di  Schifano, le tele emulsionate di  Festa, le inquadrature "segninfantili” di  Fioroni e nelle riflessioni squisitamente ideologiche di Franco Angeli. Un confronto  decisamente tra passato e presente - come sottolinea lo stesso curatore - senza alcuna finalità storico-filologica, estendendo una visuale più estesa  che guarda alla Pop Art italiana a partire dagli Anni Sessanta includendo - secondo noi – anche un’ipotetica  e quando mai provvisoria evoluzione più recente  di autori  come Romina Bassu, Michele Chiossi, Francesco De Molfetta, Giampaolo Frizzi, Lucio Perone, Giuseppe Restano, che evidenziano temi incentrati sulla manipolazione e sul consumo di immagini in età contemporanea. Permane su tutti  il peso della Pop art a suggellare tale dialogo di continuità tra passato e presente.  

Sandro  Bongiani
Mostra visitata il 18  novembre 2018 

Dal 19 Novembre al 20 Dicembre 2018
Pop art in Italia. Ieri, oggi, domani 
Galleria Paola Verrengia, Salerno                                                                                                           
Via Fieravecchia, 34 – 84122,  Salerno 
Orari: dal lunedì al venerdì, dalle 16.30 alle 20.30, 
il sabato dalle 10.30 alle 13, e dalle 17 alle 21
Info: info@galleriaverrengia.it

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di sandro bongiani
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram