L’architettura è artigianato? Risponde Michele De Lucchi, all’Hangar Bicocca 3089 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/01/2019
L’Africa di Sebastiao Salgado, in un caffe letterario di Reggio Emilia
23/01/2019
Aperto il nuovo bando di Italian Council. 621mila euro per l’arte contemporanea
22/01/2019
A Cremona il sindaco vieta i rumori. Via alle registrazioni del suono dei violini di Stradivari e del Guarneri
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

L’architettura è artigianato? Risponde Michele De Lucchi, all’Hangar Bicocca

   
   
 
L’architettura è artigianato? Risponde Michele De Lucchi, all’Hangar Bicocca
pubblicato

Fino a che punto convergono i linguaggi dell’arte, dell’architettura, del design e dell’artigianato? Quali sono i punti di contatto e di divergenza tra conoscenze, tecniche, saperi e materiali? Se ne parlerà giovedì, 10 gennaio, alle 19.30, all’Hangar Bicocca, per L’architettura è artigianato?, incontro con Michele De Lucchi, a latere "the last days in Galliate”, mostra di Leonor Antunes, a cura di Roberta Tenconi e visitabile fino al 13 gennaio 2019.
 De Lucchi, che ha fatto parte di alcuni tra i principali gruppi dell’architettura radicale, come Cavart, Alchimia e Memphis, e tra le altre cose è stato responsabile del design di Olivetti dal 1988 al 2002, racconterà la sua ultima ricerca: le Earth Stations – Many Hands, edifici progettati per essere costruiti dalle popolazioni di diverse parti del mondo, utilizzando tecniche artigianali identitarie di una determinata cultura. 
Per De Lucchi, che nel 2018 ha diretto la rivista Domus, le Earth Stations – Many Hands sono oggetti architettonici fatti a mano, capaci di «portare la sensibilità del saper fare artigiano che altrimenti rischia di perdere la sfida con la produzione industriale».
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram