Robert Barry a Milano 3089 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/02/2019
La Reggia di Versailles come non l'avevate ancora vista. In 3D
15/02/2019
Tutte le poesie di Kandinskij, in un nuovo volume a colori
14/02/2019
Tecnologia in gioco, per l’arte. Una conversazione all’Accademia di Verona
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Robert Barry a Milano

   
   
 
Robert Barry a Milano
pubblicato

Robert Barry, nato nel 1936 a New York, artista concettuale della prima ora assieme a - tra gli altri - Joseph Kosuth e Lawrence Weiner, porta a Milano le sue famose parole. Da domani sera alla galleria Francesca Minini una personale dedicata a una delle cifre più riconoscibili e dei mezzi più esplorati da Barry: quelle parole, prive di valenza semantica, disposte in modo preciso nello spazio, attraverso cui l’artista indaga i limiti di materialità e percezione dell’opera d’arte. 
Abbiamo posto un paio di domande alla galleria, per sapere che tipo di mostra sarà.
Che opere saranno presentate in mostra? Come è strutturato il percorso della mostra? 
«In mostra carte, tele, pannelli in legno dipinti. Parole e parti di testo che allargano, ampliano e spingono sempre il significato del lavoro oltre all’immediatezza dell’opera. Un conciso vocabolario composto di poche parole distillate, che aprono la nostra percezione del mondo a nuovi significati. Le parole diventano colori, figure, metafore e metonimie. Le tele con le parole dipinte uniscono gli esordi pittorici con la successiva fase di ricerca sul linguaggio. Nella sua costante indagine dei media Barry arriva fino a coinvolgere lo spazio circostante. Così accade nella seconda sala della galleria, dove una grande installazione di parole inonda la stanza dal pavimento al soffitto, come una brillante ondata di luce. Inoltre, ad accompagnare la mostra, un piccolo libro disegnato da Robert Barry, dove parole colorate si alternano a silenziose pagine bianche».
Come si inserisce questa mostra nella programmazione della galleria? Quali saranno i prossimi progetti espositivi?
«Questa mostra segue un percorso avviato un anno fa circa, quando la galleria ha iniziato a condividere alcuni momenti della sua programmazione con quella di Galleria Massimo Minini di Brescia. L’anno precedente Massimo ha ospitato la mostra di un nostro artista, Armando Andrade Tudela, e da li si è affermata una progettualità espositiva condivisa che quest’anno ci ha portato a realizzare insieme, in entrambe le sedi, una mostra celebrativa del lavoro di Carla Accardi. Il percorso continua ora con Robert Barry e in primavera proseguirà con Dan Graham, un altro momento espositivo importante per la galleria». (Silvia Conta)

Robert Barry
Dal 23 gennaio al 9 marzo 2019
Galleria Francesca Minini
Via Massimiano 25, Milano
Opening: mercoledì 23 gennaio 2019, dalle ore 19.00
Orario: dal martedì al sabato, dalle ore 11 alle ore 19
www.francescaminini.it, info@francescaminini.it

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram