Virgil Abloh si è ispirato all’Incompiuto di Alterazioni Video per la Collezione Uomo 2019 3065 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/04/2019
Il Whitney Museum di New York mette online le risorse sulla sua biennale
20/04/2019
Le squadre della Eredivisie giocano a calcio con Rembrandt
19/04/2019
Whisky e arte a go go, nella nuova distilleria di Bob Dylan
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Virgil Abloh si è ispirato all’Incompiuto di Alterazioni Video per la Collezione Uomo 2019

   
   
 
Virgil Abloh si è ispirato all’Incompiuto di Alterazioni Video per la Collezione Uomo 2019
pubblicato

Dopo Manifesta 12 a Palermo, per Alterazioni Video è la volta di Parigi dove, presso la galleria Campoli Presti, il collettivo ha presentato il progetto L’Incompiuto: the birth of a style, passando per la Paris Fashion Week, a contatto con il re dello streetwear di lusso, Virgil Abloh. La Campoli Presti esporrà fino al 2 febbraio la video installazione, presentata con successo per la prima volta in Sicilia, oltre a una serie di stampe nate dalla collaborazione con Abloh.
Il designer si è infatti ispirato al progetto del collettivo per la Collezione Uomo Off-WhiteTM 2019, invitandoli a creare una campagna pubblicitaria e la scenografia per la sua sfilata al Louvre del 16 gennaio scorso. Se avete perso la sfiliata, non c'è problema, la potete vedere e rivedere sul sito Off-White, marchio del designer americano e, per noi, ce la racconta Paololuca Barbieri Marchi, parte del collettivo insieme ad Alberto Caffarelli, Matteo Erenbourg, Andrea Masu e Giacomo Porfiri. «La sfilata si è svolta in un set completamente dipinto di verde, clin d'œil alla Public Television, in cui sono stati inseriti degli elementi di cemento, nonché i paesaggi incompiuti, estratti dal nostro progetto. Insomma, chi stava alla sfilata vedeva riprodotto l’ambiente di uno studio televisivo mentre in streaming si vedevano i modelli muoversi nell'immaginario dell'Incompiuto. Si tratta di celebrare, edifici e infrastrutture incompiuti in cui forma e funzione collassano, diventando così dei nuovi siti architettonici, troppo cari per essere abbattuti, questi sono i più importanti d'Italia dal dopoguerra a oggi, insomma dei monumenti. Questa è la parte che Virgil ha colto come uno stile per raccontare una storia e applicare alla sua linea di moda».
Per saperne di più, da non perdere il libro omonimo, con i contributi di Marc Augé, Gabriele Basilico, Wu Ming e Leoluca Orlando, che accompagna la video installazione. Prossimo progetto del collettivo? Un’indagine intorno alle fake news. (Livia De Leoni)

In alto: Courtesy of Alterazioni Video, Virgil Abloh and Campoli Presti London, Paris

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram