THAT’S STORIES 3052 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/04/2019
Il Whitney Museum di New York mette online le risorse sulla sua biennale
20/04/2019
Le squadre della Eredivisie giocano a calcio con Rembrandt
19/04/2019
Whisky e arte a go go, nella nuova distilleria di Bob Dylan
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
Thats contemporary
         
 

THAT’S STORIES

   
 Il Televideo e l’arte contemporanea
di Gianluca Gramolazzi
 Gianluca Gramolazzi 
 
THAT’S STORIES
pubblicato

C’è qualcuno che crede che Televideo sia sparito ma, al contrario, Televideo è sempre lì, consultabile dai nostri televisori. Questo servizio informativo della Rai è stato inaugurato nel 1984 e, fino all’arrivo del digitale, è stata una delle risorse principali per i non udenti, per le guide tv e per moltissimo altro. Oggi, tra queste pagine si trova anche OOOroscope, un intervento di arte pubblica multimediale realizzato dall’artista Niccolò Moronato insieme a Rai Televideo.
Nelle pagine dal numero 675 al 679, i telespettatori potranno consultare l’opera nelle sue 4 parti: "Nuove dal cosmo”, una sorta di indice; "Altri cieli”, dove si racconta la storia della creazione di un nuovo cielo; "altre stelle”, una pagina dedicata alla descrizione dei nuovi segni zodiacali; infine, "OOOroscopo”, un oroscopo bisettimanale basato su nuove e vecchie massime. L’opera fa parte di un più ampio progetto artistico chiamato Firmament, una collaborazione scientifica tra Moronato e lo "Space Vizualization Lab” del Planetario Adler di Chicago. Grazie a questa collaborazione - che ha letteralmente spostato il suo punto d’osservazione dalla Terra a un pianeta extrasolare - si sono costruite le costellazioni, ma non solo visto che l’artista proseguirà nello sviluppo di questo macro-progetto attraverso disegni, workshop e diverse performance.

null
Kepler Telescope, digital image, 2017


OOOroscope è caratterizzato da un alternarsi continuo di realtà e immaginazione, a partire proprio dall’utilizzo del medium. Infatti, Televideo produce immagini definite solo in pixel, di conseguenza l’utente attiva inconsciamente dei meccanismi percettivi per decodificarle. Un processo molto simile a quello utilizzato dagli astronomi quando osservano nuovi pianeti, infatti, diversi pixel costituiscono anche le immagini dei telescopi e il resto fa parte di elaborazioni. In secondo luogo, le costellazioni di Moronato sono scientificamente possibili e arrivano dal cielo di Trappist - 1e, il pianeta scoperto nel 2017 che dista 40 anni luce e che è stato indicato da astronomi e scienziati come potenziale gemello della Terra. I segni descritti nascono, quindi, dalla collisione tra quelli convenzionali e la loro visione dalla prospettiva del nuovo pianeta e dall’incrocio delle loro storie con altre immaginate.
Questo differente cielo serve come pretesto per guardare alla nostra volta celeste da un’altra prospettiva, in cui le costellazioni attuali perdono senso e si sente la necessità di crearne di nuove. 

Gianluca Gramolazzi

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Gianluca Gramolazzi
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram