A luglio la Tate ospiterà una grande mostra dedicata a Olafur Eliasson 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/02/2019
Chi è Giorgio Barbero Corsetti, neodirettore del Teatro di Roma – Teatro Nazionale
19/02/2019
David Hockney racconta l’evoluzione delle immagini in un libro illustrato per bambini
19/02/2019
Scalare Machu Picchu con la sedia a rotelle? Da oggi si può, con Wheel the World
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

A luglio la Tate ospiterà una grande mostra dedicata a Olafur Eliasson

   
   
 
A luglio la Tate ospiterà una grande mostra dedicata a Olafur Eliasson
pubblicato

L’11 luglio, gli spazi della Tate ospiteranno, per la seconda volta, l’artista danese-islandese Olafur Eliasson, che lasciò il segno, nel 2003, con "The Weather Project”, installato nella Turbine Hall. Il  curatore, Achim Borchardt-Hume ha dichiarato che il museo presenterà la più grande retrospettiva mai realizzata sul lavoro di Eliasson, che, meno di due mesi fa ha collocato, all'esterno della Tate, 24 grandi blocchi di ghiaccio provenienti dalla Groenlandia per sensibilizzare l'opinione pubblica sugli effetti del cambiamento climatico. La mostra, intitolata "Olafur Eliasson: In Real Life”, presenterà oltre 30 opere di quasi tre decenni di attività artistica. Opera di punta sembra essere "Your blind passeggeri”, del 2010, costituita da un tunnel percorribile lungo 45 metri ricoperto di nebbia accecante. Tuttavia, proprio il fatto di non poter vedere, spinge i visitatori ad ampliare l’uso degli altri sensi, facendoli concentrare più su se stessi e sulle proprie percezioni. Inoltre, la mostra comprenderà nuove versioni di opere iconiche come "Moss wall” del 1994,  un muschio di renna proveniente dall'Islanda allestito su un grande muro. Per creare una collaborazione senza precedenti, Eliasson assisterà anche il team di catering della Tate Modern per servire nel Terrace Bar cibo biologico e vegetariano, che lui e il suo team consumano collettivamente tutti i giorni a pranzo. L’esposizione si concluderà a gennaio 2020, quindi c’è tutto il tempo per godersela. (Adele Menna)

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram