Il Padiglione iracheno alla Biennale di Venezia mostrerà gli orrori espressionisti della g... 3051 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Il Padiglione iracheno alla Biennale di Venezia mostrerà gli orrori espressionisti della guerra

   
   
 
Il Padiglione iracheno alla Biennale di Venezia mostrerà gli orrori espressionisti della guerra
pubblicato

Sarà Serwan Baran a rappresentare l’Iraq alla 58ma Biennale di Venezia ed è la prima volta che il padiglione iracheno, allestito in Ca’ Del Duca e commissionato per la quarta volta dalla Ruya Foundation, verrà affidato a un singolo artista. «È un passo importante, per l’Iraq, essere rappresentati da un solo artista alla Biennale di Venezia. L'opera di Baran è sia una testimonianza personale delle sue esperienze che un commento universale sulla condizione dell'umanità. Sono felice anche di far conoscere il singolare stile espressionista di Baran, la cui pittura ha un grande significato nella storia dell’arte moderna irachena», ha dichiarato Tamara Chalabi, presidente e cofondatrice della Fondazione Ruya e co-curatrice della mostra. 
Di origine curde, Baran è nato a Baghdad nel 1968 ed è considerato tra i più influenti artisti iracheni della nuova generazione. Fondamentale, nella sua formazione, l’esperienza come soldato duranti i conflitti negli anni ’80 e ’90, durante i quali è stato costretto a rappresentare artisticamente le vittorie dell’esercito iracheno, come parte del programma di propaganda filogovernativa. In seguito, quelle stesse immagini sono diventate una materia da decostruire, verso il grottesco e l’astrazione. 
Per il Padiglione alla Biennale di Venezia, Baran presenterà Fatherland, un progetto che restituirà la sensazione di una zona di guerra, in linea con lo stile oscuro della sua pittura. L'esposizione sarà caratterizzata da un monumentale dipinto, The Last Meal, che rappresenta una vista a volo d'uccello di un campo di battaglia. Verranno incorporati elementi come uniformi militari irachene, donate all'artista dalle famiglie dei caduti durante la varie guerre che hanno tormentato l’area: quella tra Iran e Iraq, la seconda guerra del Golfo e l’offensiva contro l'ISIS. La mostra includerà anche una scultura, The Last General, una replica in argilla a grandezza naturale di un generale dell’esercito in una scialuppa di salvataggio. Simile a una mummia in un sarcofago, questa scultura ricorda la brutalità dei capi militari e sarà un tributo agli uomini morti, diventati parte della terra. 
Nel suo progetto, Baran interroga i modi in cui la nozione della Patria è stata usata per giustificare gli orrori della guerra e i sacrifici dei soldati. Attraverso questa inchiesta sull'abuso del concetto di patria, la mostra esplora anche la natura dell'uomo, i suoi limiti e le sue derive bestiali.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram